DBA Group: De Bettin, con Fiume puntiamo a digitalizzare i porti lungo Via della Seta

«La nostra politica è quella di informatizzare i principali nodi portuali lungo la Via della Seta, soprattutto all’estero», ha spiegato Francesco De Bettin, presidente di DBA Group, in anteprima a Money.it

DBA Group si assicura un importante contratto di fornitura per il porto di Rijeka (Fiume) nel Mar Adriatico e tira dritto sugli obiettivi delineati a Money.it dal presidente Francesco De Bettin.

«La nostra politica è quella di digitalizzare tutti i nodi portuali lungo la Via della Seta, soprattutto all’estero», ha spiegato De Bettin nella video intervista concessa prima della pubblicazione ufficiale dell’accordo fra Actual IT dd, controllata del gruppo DBA, e l’Autorità Portuale per la realizzazione del sistema di Port Community (PCS) del porto di Rijeka in Croazia.

L’anteprima: DBA Group chiude accordo per il porto di Fiume

«Dopo due anni e mezzo di trattative abbiamo acquisito l’informatizzazione del porto di Rijeka (Fiume), uno dei principali del nord Adriatico», ha illustrato De Bettin, aggiungendo: «Sono contento di dare in anteprima su Money.it questa news che comunicheremo nei prossimi giorni», ha spiegato il manager nell’intervista concessa ai nostri microfoni.

Il valore della commessa è di circa 1 milione di euro per attività che dureranno 21 mesi nel corso dei quali sarà sviluppato e messo in produzione l’intero sistema informativo che consentirà a tutti gli operatori del principale scalo croato di essere sempre connessi tra loro.

PORT-Line, il sistema che sarà implementato a Rijeka, è una piattaforma web-based per la gestione e l’automazione dei processi portuali; permetterà la condivisione delle informazioni tra tutti gli attori della Port Community facilitando le comunicazioni fra Autorità Portuale, forze dell’ordine, terminalisti, ente doganale e consentendo di tracciare e scambiare dati e documenti in tempo reale.

L’ambizione: Via della Seta digitale

Con questa nuova commessa, il gruppo DBA espande la propria area di azione in un altro scalo Adriatico e a servizio della Belt And Road Initiative , realizzando concretamente l’infrastruttura telematica su cui passerà la Via della Seta digitale.

«Un porto informatizzato è più competitivo e più sicuro», ha affermato De Bettin. Oltre ai due porti croati di Ploce e Rijeka, i sistemi di DBA sono già presenti negli scali di Slovenia, Montenegro, Mar Caspio (Baku in Azerbaijan) e in Italia.

Il porto di Rijeka (Fiume) nel 2018 ha movimentato un traffico record di 13,4 milioni di tonnellate di merci in crescita del 6,3% ed è uno dei maggiori scali dell’intero Mar Adriatico.

De Bettin ritiene che la Via della Seta digitale, capace di rendere efficiente ed ottimizzare l’integrazione tra la sua versione terrestre e marittima, possa attrarre investimenti dell’ordine del 5-8% dell’investimento complessivo stanziato dalla Cina: «in quest’ottica stiamo partecipando anche ad alcuni bandi per installare i nostri sistemi nei porti del Mar Nero e consolidare ulteriormente la nostra presenza lungo la Via della Seta», ha chiosato il presidente di DBA Group.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su AIM Italia

Condividi questo post:

DBA Group: De Bettin, con Fiume puntiamo a digitalizzare i porti lungo Via della Seta

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \