Covid, l’immunità gregge non sarà raggiunta nel 2021: ecco perché

Martino Grassi

17 Aprile 2021 - 20:35

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’immunità di gregge non sarà raggiunta nel corso del 2021. Un gruppo di studiosi ha pubblicato 5 motivi che smorzano l’entusiasmo.

Covid, l'immunità gregge non sarà raggiunta nel 2021: ecco perché

Si potrà raggiungere l’immunità di gregge entro il 2021? La percentuale delle persone immuni al coronavirus, grazie alla campagna di vaccinazione, continua a crescere in tutto il mondo, anche se nel paese la situazione sembra andare a rilento, proprio per questo motivo torna ad accendersi il dibattito sulla questione.

La scienza al momento continua ad essere divisa tra chi è più ottimista e ritiene che sia un obiettivo raggiungibile già nei prossimi mesi, e chi invece resta scettico sulla possibilità di limitare la pandemia nel breve termine, tra questi anche l’OMS, che già dallo scorso gennaio aveva smorzato gli entusiasmi.

Covid, l’immunità gregge non sarà raggiunta nel 2021

Secondo un gruppo di esperti consultati da Nature, una celebre rivista scientifica, l’immunità di gregge non sarà raggiunta nel 2021, fornendo 5 motivazioni per cui questa speranza potrebbe rappresentare solamente un fuoco fatuo. Secondo gli studiosi infatti la vaccinazione con molta probabilità non impedirà del tutto la trasmissione del virus, inoltre la campagna di vaccinazione non sta procedendo in modo uniforme in tutto il mondo e le varianti che continuano a diffondersi potrebbero ostacolare l’efficacia degli antidoti.

Una grande incognita che continua a restare è anche quando duri effettivamente duri l’immunità fornita dai vaccini, inoltre vi è anche la possibilità che i vaccini producano un cambiamento nelle abitudini della popolazione, facendo tornare le persone ad attuare dei comportamenti a rischio con una possibile ripresa della pandemia.

Gli esperti a favore dell’immunità di gregge

Un’altra branca di scienziati invece ha una visione più ottimista del futuro anche perché gli effetti dell’immunità di gregge non è detto che si vedranno solo quando la circolazione del virus sarà completamente scomparsa, come ha precisato alla Cnbc Dale Fisher, esperto di malattie infettive della National University of Singapore:

Non stiamo cercando di eradicare Covid-19, cerchiamo semplicemente di interrompere la trasmissione incontrollata del virus. In questo senso, l’immunità di gregge è un obiettivo possibile”.

In sostanza anche se il virus continuerà a circolare tra le persone, con un alto numero di vaccinati, il numero dei ricoveri e dei decessi potrebbe tornare a calare, rendendo il coronavirus una malattia gestibile proprio come il morbillo. “L’immunità di gregge non è un fenomeno binario, molte persone pensano che o si ottiene o non si ottiene, ma esistono ovviamente molte aree grige nel mezzo”, conclude Fisher.

Iscriviti alla newsletter