Covid, “green pass” obbligatorio per accedere a bar e ristoranti: ecco dove

Martino Grassi

29 Giugno 2021 - 14:05

condividi

A Mosca, in Russia, per accedere a bar e ristoranti sarà necessario esibire un documento che attesti la vaccinazione, la guarigione dal Covid o un tampone negativo.

Covid, “green pass” obbligatorio per accedere a bar e ristoranti: ecco dove

In Russia, a Mosca, sarà necessario esibire un documento, simile al nostro green pass, per accedere a bar e ristoranti.

Il provvedimento si è reso necessario davanti ad un nuovo incremento di casi dovuti alla variante Delta che continua a correre in tutto il Paese facilitata anche da un tasso di vaccinazione estremamente basso. Al momento infatti in Russia solamente il 15% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino e il 12% ha completato il ciclo.

Covid, “green pass” obbligatorio per accedere a bar e ristoranti

A partire dalla giornata del 28 giugno, i ristoranti e i bar di Mosca sono accessibili solamente alle persone che dispongono di un certificato simile al nostro green pass. Prima di entrare all’interno di queste attività i clienti devono poter dimostrare di essersi sottoposti alla vaccinazione contro il Covid, di essere guariti dall’infezione negli ultimi sei mesi o di aver effettuato un tampone, con esito negativo, svolto nelle 72 ore precedenti.

Il documento sarà scaricabile direttamente dal sito del governo e i ristoratori o i gestori dei locali potranno verificarlo leggendo il QR code di cui sono datati. Il provvedimento emanato dalle autorità cittadine si è reso necessario per limitare la circolazione del virus che negli ultimi giorni è tornato a correre in tutto il Paese.

Per le prossime due settimane le persone che non hanno ancora il “green pass” russo potranno eventualmente accedere solamente alle terrazze dei vari locali. Anche i minori accompagnati dagli adulti non dovranno avere con sé il documento.

La situazione in Russia

In tutta la Russia e nelle principali città la situazione legata all’emergenza sanitaria continua ad essere delicata dopo la recrudescenza del virus. Il sindaco di Mosca ha fatto sapere che “la situazione del coronavirus a Mosca rimane estremamente difficile. Nella scorsa settimana, abbiamo registrato nuovi record di ricoveri, di pazienti in terapia intensiva e di decessi per coronavirus“.

Al momento il tasso di vaccinazione è estremamente basso e proprio per questo motivo si sono resi necessari dei provvedimenti molto rigidi per cercare di immunizzare il maggior numero di cittadini. In alcune aree come Mosca, San Pietroburgo e la regione di Sakhalin la vaccinazione è stata resa obbligatoria per i lavoratori di moltissimi settori, come gli uffici governativi, le scuole, la ristorazione e ogni altra attività a contatto con il pubblico. Le autorità di Mosca hanno inoltre obbligato le aziende a sospendere, senza lo stipendio, le persone che si rifiutano di vaccinarsi.

Iscriviti a Money.it