Covid, Usa in ginocchio: 100.000 persone ricoverate, picco di 2.885 morti in un giorno

Alessandro Cipolla

3 Dicembre 2020 - 14:31

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Negli Stati Uniti si aggrava l’emergenza coronavirus: superato il record della scorsa primavera con 100.000 persone attualmente ricoverate di cui 20.000 in terapia intensiva, con i decessi a causa del Covid che Oltreoceano nelle ultime 24 ore sono stati 2.885.

Covid, Usa in ginocchio: 100.000 persone ricoverate, picco di 2.885 morti in un giorno

Questo inverno potrebbe essere il più duro dal punto di visto sanitario della storia degli Stati Uniti. L’allarme è del Centers for Disease Control, il massimo organismo di controllo in materia di salute Oltreoceano.

Del resto gli ultimi dati che arrivano dagli Usa sul fronte Covid sono emblematici. Nel report relativo al 2 dicembre, si sono registrate 200.000 nuove positività mentre i decessi registrati sono stati 2.885.

Gli Stati Uniti rimangono così il Paese di gran lunga più colpito da questa pandemia da coronavirus, con la triste conta che è arrivata quasi a 14 milioni di casi totali riscontrati e 274.000 morti.

Ma a preoccupare sono anche i numeri che arrivano dagli ospedali. A causa del Covid, attualmente negli States sono ricoverate nelle varie strutture circa 100.000 persone, di cui 20.000 in terapia intensiva.

Stati Uniti: il Covid non si ferma

Un livello questo della ospedalizzazione più alto dei picchi della scorsa primavera, con questa seconda ondata del Covid che così starebbe colpendo gli Usa in maniera più omogenea rispetto alla prima, quando il maggior numero di casi si sono verificati nella costa Est.

Il fatto che adesso si va incontro ai mesi invernali, senza contare il periodo delle festività dove i contagi potrebbero aumentare, ha fatto dichiarare a diversi medici americani che la situazione potrebbe diventare ben peggiore di quella della scorsa primavera.

Mentre di recente tutti gli occhi negli Stati Uniti sono stati puntati sulle elezioni presidenziali, con la coda di polemiche innescate da Donald Trump che non ha ancora riconosciuto la vittoria di Joe Biden, il Covid negli Usa non si è mai fermato.

Per il nuovo Presidente ci sarà fin da subito parecchio lavoro da fare, con il vaccino di Pfizer e quello di Moderna che a breve potrebbero iniziare a essere distribuiti alla popolazione: visto l’alto numero dei contagi giornalieri e degli ospedalizzati, anche Oltreoceano il tunnel del Covid appare essere ancora molto lungo.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories