Covid: gli USA nei guai. E Biden se la prende con Facebook

Violetta Silvestri

17 Luglio 2021 - 13:05

condividi

Il Covid negli USA avanza, con casi e variante Delta in aumento. Non solo, la campagna vaccinale rallenta tra americani scettici. E rapiti da fakenews: per questo, Biden litiga con Facebook.

Covid: gli USA nei guai. E Biden se la prende con Facebook

Clima teso negli USA: il Covid avanza, la variante Delta si diffonde e il ritmo delle vaccinazioni rallenta.

In questa cornice poco rassicurante per la ripartenza della potenza mondiale, Joe Biden ha scatenato un nuovo e forte attacco contro le società di social media per aver consentito la diffusione di fakenews sui vaccini contro il coronavirus, incolpandoli esplicitamente della morte di molti americani di Covid.

Facebook è entrato subito nel mirino della Casa Bianca. Cosa sta succedendo negli USA?

USA: è pandemia dei non vaccinati. Biden furioso

Gli Stati Uniti stanno vivendo una “pandemia dei non vaccinati”, ha avvertito il capo della principale agenzia di sanità pubblica del Paese.

I nuovi casi di coronavirus sono aumentati del 70% nell’ultima settimana. Giovedì 15 luglio sono state segnalate più di 33.000 positivi e ciò ha aumentato la media settimanale di nuovi casi a circa 26.300 al giorno, da un tasso di circa 15.500 sette giorni fa.

Sebbene il numero di nuovi casi rimanga molto al di sotto del picco della pandemia, l’ultimo aumento ha sollevato preoccupazioni sul fatto che potrebbero essere necessarie nuove restrizioni per evitare che i sistemi sanitari vengano travolti, soprattutto con il rallentamento del ritmo delle vaccinazioni.

Dopo un inizio fulminante, la campagna di immunizzazione degli Stati Uniti ha perso slancio, con alcune persone che hanno paura o non vogliono ricevere il vaccino nonostante l’abbondante offerta.

L’amministrazione Biden ha anche espresso preoccupazione per il fatto che l’esitazione al vaccino sia alimentata dalla disinformazione condivisa sulle piattaforme dei social media, provocando un battibecco pubblico con Facebook.

Alla domanda sul ruolo del social network venerdì, Joe Biden ha detto: “Stanno uccidendo le persone.”

Cosa sta succedendo davvero negli USA?

Secondo il CDC, gli Stati Uniti hanno vaccinato completamente il 48,3% della popolazione. Il tasso di dosi somministrate a livello nazionale è sceso da una media giornaliera di oltre 3,4 milioni a metà aprile a circa 421.000 al giorno nella settimana terminata il 10 luglio.

In Mississippi, per esempio, gli individui non vaccinati hanno rappresentato il 94% dei nuovi casi di Covid, l’87% dei ricoveri e il 93% dei decessi questa settimana, secondo Thomas Dobbs, il massimo ufficiale sanitario dello stato. Il Mississippi ha il livello più basso di copertura vaccinale negli Stati Uniti, con solo il 33,6% dei suoi residenti completamente immunizzati.

Vaccini, fakenews, Facebook: che succede negli USA?

In questo contesto preoccupante, è sorta la questione delle fakenews diffuse sui social e relative, anche, agli effetti collaterali dei vaccini.

La Casa Bianca ha criticato i gruppi di social media per non aver represso i cosiddetti “superdiffusori” di disinformazione.

Il segretario addetto alla stampa, Jen Psaki ha dichiarato venerdì 16 luglio che l’amministrazione USA comunica regolarmente con le piattaforme dei social media, esortandole a rimuovere false narrazioni. Come, per esempio, l’idea che le vaccinazioni contro il coronavirus possano causare infertilità.

La Casa Bianca ha anche fatto pressioni su Facebook per rimuovere le 12 persone che secondo uno studio producono il 65% della disinformazione anti-vaccino sulle piattaforme dei social media.

La polemica è scoppiata. Il colosso non ha perso tempo nell’inviare il suo messaggio di risposta:

“Il fatto è che più di 2 miliardi di persone hanno visualizzato informazioni autorevoli su Covid e sui vaccini su Facebook, che è più di qualsiasi altro posto su Internet. Più di 3,3 milioni di americani hanno anche utilizzato il nostro strumento di ricerca vaccini per scoprire dove e come ottenerlo. I fatti mostrano che Facebook sta aiutando a salvare vite”

Nel mezzo del litigio tra Biden e il social di Zuckerberg, c’è la pandemia che non fa sconti, nemmeno nella potenza USA.

Iscriviti a Money.it