Coronavirus, allarme danni al cervello: spuntano sintomi mai visti prima

Allarme dei neurologi: dal delirio all’infiammazione cerebrale fino all’ictus, i pazienti Covid-19 possono sviluppare gravi problemi cerebrali anche fatali. Ecco cosa hanno scoperto.

Coronavirus, allarme danni al cervello: spuntano sintomi mai visti prima

Il coronavirus può innescare disturbi cerebrali gravi e potenzialmente fatali, e sorprendentemente questi problemi spuntano anche nei pazienti con sintomi lievi o in fase di recupero.

Può sembrare assurdo, visto che è un virus respiratorio, ma i ricercatori della Yale University hanno scoperto che il SARS-CoV-2 può dirottare le cellule cerebrali per replicarsi, causando lesioni significative (anche letali) alla cellula infetta e a quelle circostanti.

Diversi team di medici e scienziati nel mondo stanno attenzionando la questione, cercando di far luce non solo sui danni immediatamente visibili, ma anche sui possibili effetti collaterali a lungo termine del Covid-19 sul cervello.

Danni Covid-19 sul cervello: allarme ictus anche tra i giovani

Uno studio effettuato in Gran Bretagna da un team di neurologi e pubblicato sulla rivista Brain a luglio ha messo in luce complicazioni che vanno dall’infiammazione cerebrale e il delirio fino all’ictus. In alcuni casi il problema neurologico era il primo e principale sintomo del paziente.

L’allarme, in realtà, era già scattato a metà aprile, quando uno studio statunitense ha segnalato un aumento anomalo di ictus tra i giovani con sintomi lievi di Covid-19.

I casi esaminati dagli scienziati hanno rivelato un aumento di una condizione pericolosa per la vita chiamata encefalomielite acuta disseminata (Adem), emersa durante la prima ondata di contagi nel Paese. I casi sono aumentati tra aprile e maggio, e una donna di 59 anni è morta per la complicazione.

Lo studio conferma quanto i medici avevano già scoperto: i sintomi provocati da coronavirus non interessano solo il sistema respiratorio e i polmoni, ma anche cervello e apparato gastrointestinale, con problemi più o meno gravi. Ecco le cose da sapere.

Nuovi sintomi mai visti prima: la sorpresa degli scienziati

Secondo gli ultimi studi, diversi pazienti hanno avuto un’infiammazione del sistema nervoso centrale, 10 hanno contratto una malattia del cervello con delirio o psicosi, 8 hanno avuto ictus e altri 8 problemi ai nervi periferici, per lo più diagnosticati come sindrome di Guillain-Barré, una reazione immunitaria che attacca i nervi e provoca paralisi e che nel 5% dei casi è mortale.

Il dott. Michael Zandi, autore senior dello studio e consulente presso l’NHS dell’University College London Hospitals, ha detto: “Stiamo vedendo cose nel modo in cui il coronavirus colpisce il cervello che non avevamo mai visto prima con altri virus.

Questi casi si aggiungono alle preoccupazioni sui danni a lungo termine causati dal coronavirus: molti pazienti ricoverati con gravi sintomi possono rischiare di convivere con [effetti collaterali permanenti]->/coronavirus-danni-permanenti-polmoni-cervello-organi a polmoni, cervello e altri organi.

Una nuova epidemia nascosta?

Gli esperti avvertono che l’intera gamma di disturbi cerebrali causati dal coronavirus potrebbe non essere ancora stata scoperta e che la situazione dovrà essere monitorata. Un timore è che il virus possa lasciare sottili danni al cervello in una piccola parte dei contagiati che però si manifesteranno solo negli anni a venire, in modo simile a quanto accaduto con l’epidemia di influenza del 1918 quando fino a 1 milione di persone hanno sviluppato malattie cerebrali.

“Sarebbe preoccupante se si verificasse un’epidemia nascosta dopo la pandemia di Covid-19, ma al momento per noi è troppo presto per sapere cosa accadrà nei prossimi anni”, ha detto Zandi. “Quando una pandemia così vasta colpisce una un numero tanto ampio della popolazione, dobbiamo stare attenti”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories