Congedo parentale COVID-19: domande fino al 3 maggio, ma non per tutti

Congedo parentale COVID-19: domande prorogate fino al 3 maggio, ma non per tutti. L’annuncio di INPS per la Famiglia su Facebook. Una prima proroga era stata annunciata solo dieci giorni fa.

Congedo parentale COVID-19: domande fino al 3 maggio, ma non per tutti

Congedo parentale COVID-19: le domande sono state prorogate fino al 3 maggio, ma non per tutti. Ad annunciarlo con il consueto messaggio Facebook che spesso scavalca le comunicazioni ufficiali con circolari e messaggi è stato INPS attraverso la pagina INPS per la Famiglia.

INPS su Facebook ha anche annunciato il messaggio 1621 pubblicato ieri 15 aprile sul sito ufficiale con i casi di compatibilità e incompatibilità del congedo parentale COVID-19.

Il congedo parentale COVID-19 per l’emergenza resta di 15 giorni, ma c’è tempo fino al 3 maggio per richiederlo.

La proroga delle domande c’è, ma non vale per tutti. La stessa era stata già stabilita una prima volta con il messaggio 1516 del 7 aprile fino al 13, il giorno di Pasquetta.

Le indicazioni generali dell’ultimo messaggio restano valide. La proroga delle domande per il congedo parentale COVID-19 guarda chiaramente all’ultimo DPCM che ha imposto l’estensione del lockdown fino al 3 maggio 2020.

Congedo parentale COVID-19: domande fino al 3 maggio, ma non per tutti

Per il congedo parentale COVID-19 le domande sono state prorogate al 3 maggio, ma non per tutti. La possibilità, come chiarisce INPS per la Famiglia sulla pagina Facebook alle richieste degli utenti è aperta solo a chi non ha ancora fruito del totale dei 15 giorni di congedo parentale COVID-19 introdotto con il decreto Cura Italia e con decorrenza retroattiva al 5 marzo 2020.

Un utente chiede appunto se la proroga riguarda solo la domanda (per chi non ha fruito già dei 15 giorni di congedo con indennità al 50% per figli fino a 12) o se è possibile richiedere altri 15 giorni.

Molti utenti che hanno utilizzato già i 15 giorni a marzo e che continuano a lavorare si chiedono come faranno ad aprile e forse anche a maggio dal momento che le scuole sono ancora chiuse. La risposta di INPS è chiara:

“Al momento sono 15 giorni totali, ma se ci saranno novità le condivideremo qui con voi come di consueto.”

Sarà forse il decreto di aprile, sulla base delle prime indiscrezioni, a stabilire il rinnovo del congedo parentale COVID-19 come anche degli altri bonus.

Oltre al congedo parentale COVID-19 nel nuovo decreto di aprile, secondo le dichiarazioni di qualche settimana fa della ministra della Famiglia Elena Bonetti ci potrebbe essere anche un aiuto ulteriore per le famiglie.

Assegno universale oltre il congedo parentale COVID-19

Ci sarà un assegno universale straordinario, forse, per le famiglie oltre il congedo parentale COVID-19 che è solo, lo ricordiamo per 15 giorni.

A parlare per la prima volta dell’assegno universale straordinario è stata la ministra della Famiglia Elena Bonetti qualche settimana fa.

Si tratterebbe, come abbiamo già anticipato, di un bonus bebè esteso per i figli fino a 14 anni di età. L’assegno sarà di 160 euro, nella sua somma massima per ciascun figlio nel mese di aprile, scendendo a 120 euro e poi a 80 euro sulla base dell’ISEE.

Toccherà aspettare la fine di aprile per avere l’ufficialità e la certezza della misura. Intanto vi rimandiamo a un articolo di Money.it sull’assegno universale straordinario sulla base delle prime dichiarazioni della ministra in attesa del testo del decreto.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories