Btp, rendimenti ai massimi da settembre: i motivi

Pierandrea Ferrari

07/05/2021

07/05/2021 - 16:09

condividi

I rendimenti del Btp a dieci anni sono saliti oggi fino allo 0,918%, di fatto ai massimi dallo scorso settembre. Dietro la fiammata dei tassi la possibile retromarcia della BCE sul Pepp, il programma di acquisto di bond sovrani.

Btp, rendimenti ai massimi da settembre: i motivi

I rendimenti del Btp a dieci anni toccano i massimi dallo scorso settembre, arrivando fino allo 0,918%, in rialzo del 5% sul tasso di ieri, 0,874%. Si allarga anche lo spread, il differenziale tra i rendimenti del benchmark italiano e il pari durata tedesco, ora a 114,4 punti base, +4,1%.

A dettare la fiammata del tasso del Btp le prospettive di un graduale dietrofront della BCE sul programma di acquisto dei bond sovrani, il Pepp, stampella dell’Eurozona nella stagione pandemica che sembra volgere al termine.

Btp, la BCE dietro il rialzo dei rendimenti

Nello specifico, le indiscrezioni si legano alle parole che Martin Kazaks, banchiere lettone e membro del board dell’Eurotower, avrebbe rilasciato in merito alle sorti del Qe europeo. Da quanto si apprende, Kazaks avrebbe riferito che “nel caso in cui le condizioni dovessero rimanere favorevoli, la BCE potrebbe decidere di comprare meno a partire dal prossimo giugno”.

Una lettura, quella che associa i rumors sul fronte BCE al tasso del Btp, sposata dagli analisti di Société Générale, secondo i quali “la percezione dell’eccesso di offerta e il focus sull’eventuale tapering del programma di Qe di emergenza pandemica della BCE sono le ragioni chiave per la recente sottoperformance dei titoli di Stato italiani”.

Ma a soffrire non sono solo i Btp: il tasso dei bund a dieci anni – riferimento dell’Eurozona - è salito fino a -0,253%, in rialzo del 10,4% rispetto a ieri, mentre i rendimenti del decennale francese sono in flessione dell’8,3% allo 0,132%.

Si allarga lo spread, sale il tasso del Btp trentennale

Lo spread, come accennato, è ora a 114,4 punti base, +4,1% nell’ultima seduta. Anche il Btp a trent’anni vede i rendimenti in salita all’1,934%, +0,4% sulla chiusura di ieri: a pesare sul bond, secondo gli analisti, le indiscrezioni di una nuova emissione.

Argomenti

# Italia
# BTP

Iscriviti a Money.it