Le azioni minerarie possono trarre vantaggio dal boom delle commodity?

Roberto Donzelli

16 Luglio 2021 - 17:30

Le azioni minerarie amplificano spesso i movimenti delle materie prime che producono. Possono trarre vantaggio dal recente boom delle commodity?

Le azioni minerarie possono trarre vantaggio dal boom delle commodity?

Anche se le azioni minerarie sono tutto fuorché eccitanti - non producono i beni e servizi del futuro a differenza delle azioni tecnologiche, non producono qualche miracoloso farmaco che migliora la vita di tutta la popolazione a differenza di quelle farmacologiche e non hanno nomi altisonanti e brand famosi nel lusso, nelle auto o nelle moto a differenza delle aziende consumer - queste comunque rivestono un ruolo importante amplificando molto spesso i movimenti delle materie prime.

Queste aziende semplicemente scoprono risorse naturali, aprono gli impianti e le miniere ed estraggono le materie prime, come l’oro, il ferro, il rame o lo zinco.

Sebbene non siano particolarmente «fashion», però, possono offrire ai loro azionisti dei buoni rendimenti. Soprattutto in questa fase.

Azioni minerarie e materie prime

Ormai da un anno a questa parte i prezzi delle materie prime sono in forte crescita. Dal rame al ferro fino ad arrivare al petrolio, i prezzi sono oggi molto più alti di 12 mesi fa.

Non c’è dubbio che questo porti potenzialmente a favorire le aziende minerarie.

Certo, il legame non è diretto. Chi vende materie prime lo fa spesso tramite contratti di lungo termine con prezzi fissi e che si aggiustano anno dopo anno tenendo conto della tendenza al rialzo. L’aggiustamento, comunque, non è immediato quando ci sono rialzi improvvisi e veloci.

Di contro, le stesse aziende devono fare investimenti. Stipulare contratti di concessione con i proprietari dei terreni, aprire le miniere, comprare le attrezzature. In una fase di aumento dei prezzi delle risorse naturali, questi costi tendono a salire.

Il risultato è che nella prima fase di rialzo dei prezzi, l’aumento dei costi potrebbe non essere subito compensato dal rialzo dei prezzi di vendita. Nel medio termine, però, non c’è dubbio che i benefici arriveranno.

In euro le azioni minerarie hanno reso oltre il 17% da inizio anno, riuscendo a battere la già ottima performance dell’indice generale MSCI World.

Questo buon risultato non è stato pregiudicato dalla recente discesa, che ha portato a una correzione su questa categoria di azioni. Dopo questa discesa, i prezzi sono ora più interessanti e in ogni caso la correzione sembra archiviata, visto che da qualche seduta è iniziato il recupero.

Come investire sulle azioni minerarie?

Per investire in azioni minerarie, il primo modo è tramite qualche azione diretta. Ad esempio, la multinazionale BHP Billiton è la maggiore società al mondo del settore ed è molto diversificata.

Ma la soluzione migliore è senza dubbio investire tramite ETF.

Ad esempio, l’ETF Xtrackers MSCI World Materials (ISIN: IE00BM67HS53) è un’ottima soluzione, perché investe nelle principali società mondiali del settore, il tutto con un costo di gestione del fondo dello 0,25%.

L’ETF replica l’indice MSCI World Materials, che è esposto per il 39% circa sugli USA, l’11% su UK, 9% su Australia, 8% Canada e Giappone. Il resto è allocato su aziende quotate in altre aree geografiche.

Per quanto riguarda le aree di business, non ci sono solo aziende che estraggono metalli. Al contrario, le aziende chimiche sono quelle che hanno un peso maggiore, con un 35% circa tra commodity chimiche, aziende chimiche integrate e produzioni specializzate. I gas industriali rappresentano un altro 11% dell’ETF, che poi alloca il suo capitale per l’8% su aziende aurifere, 5% acciaio, 11% metalli vari e 3% rame. Il resto è diviso tra fertilizzanti, materie prime per costruzioni e altro ancora.

Le aziende più importanti di questo ETF sono Linde, BHP, Rio Tinto e Air Liquide.

Sicuramente si tratta di un buon modo per investire in aziende minerarie e commodity in genere. Fermo restando che l’allocazione deve sempre essere coerente con l’asset allocation generale.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO
Termina il 24/05/2024 Quale criptovaluta comprare oggi?

19 voti

VOTA ORA

Quale criptovaluta comprare oggi?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo