Oro, azioni, valute: De Casa di ActivTrades traccia un quadro generale di fine anno

In esclusiva per Money.it Carlo Alberto De Casa, capo analista di ActivTrades, fa il punto della situazione per i principali mercati finanziari

Oro, azioni, valute: De Casa di ActivTrades traccia un quadro generale di fine anno

Come si comporteranno i mercati in questa ultimissima frazione dell’anno? La domanda non è di facile interpretazione e la risposta a questo punto dipende da una molteplicità di fattori e situazioni.

Per fare il punto abbiamo interpellato Carlo Alberto De Casa, chief analyst di ActivTrades, secondo cui il principale catalizzatore per i mercati nelle prossime due/tre settimane sarà la Federal Reserve. “A guidare i mercati saranno soprattutto le parole di Powell nel mese di dicembre, ed eventuali modifiche sulle aspettative di rialzi dei tassi futuri: questo sarà il vero catalizzatore di volatilità per l’ultimo mese dell’anno”, ha spiegato De Casa.

De Casa sull’oro: view positiva, Fed e guerra commerciale permettendo

De Casa, massimo esperto di mercato aurifero, ritiene che l’oro possa essere in grado, Fed permettendo, di mantenere una traiettoria rialzista da qui a fine anno, «allontanandosi ancora di più dai minimi segnati in agosto».

Secondo l’esperto del broker londinese i complici di questo recente slancio del metallo giallo sono stati dapprima le parole pronunciate la scorsa settimana dal presidente della Fed Jerome Powell, con le quali il numero uno dell’istituto ha evidenziato un atteggiamento piuttosto dovish, mentre un secondo impulso rialzista è stato favorito dalla recente tregua delle tensioni tra Usa e Cina-

“Una situazione contro-intuitiva quella evidenziata dall’andamento del prezzo dell’oro che teoricamente avrebbe dovuto trarre beneficio dalla guerra commerciale, poiché ha da sempre avuto il ruolo di asset rifugio, mentre invece soffriva. Ora che è stata concordata una tregua ne sta beneficiando. Sembra che il metallo prezioso, almeno nell’ultimo periodo, non venga considerato come asset class privilegiata nei momenti di risk-off nei mercati finanziari”, ha spiegato De Casa dalle sale operative di ActivTrades.

In questo quadro, dunque, la view di De Casa rimane positiva:

A livello tecnico il lingotto ha superato i 1.235 dollari e sta tentando l’allungo verso i massimi a 1.243 dollari, livello resistenziale degli ultimi sei mesi. Al di sopra di questo livello ci sarebbe ulteriore spazio di manovra fino a 1.265 dollari. La view sul metallo giallo rimane quindi positiva a patto di difendere il supporto a 1.200 dollari, livello che demarca le forze rialziste da quelle ribassiste.

L’esperto, tuttavia, tiene a precisare che, a prescindere dalla struttura tecnica, “molto dipende dalla politica monetaria della Fed: qualsiasi commento o decisione accomodante di Jerome Powell, darebbe ulteriore supporto alla via rialzista dell’oro”.

De Casa su azionario e Forex: indici europei stanchi, euro ancora debole

Per quanto riguarda i mercati azionari l’ottimismo legato agli sviluppi della Trade-war di questo fine settimana si è moderato. «Pechino non sembra aver confermato nulla di ciò che il presidente Trump ha detto dopo il suo incontro con Xi Jinping, quindi i timori continuano ad esserci - prosegue De Casa -. Qualsiasi accordo commerciale rimane poco chiaro in questa fase. In questa fase di mercato, eccezion fatta per il FTSE 100 di Londra che è fortemente legato al caso Brexit, ogni indice europeo è scambiato al ribasso».

Riguardo il cambio Euro-Dollaro Usa, infine, l’esperto di ActivTrades evidenzia che il recente recupero sia dovuto principalmente alla debolezza del biglietto verde piuttosto che dalla forza della moneta unica, questo soprattutto a seguito dell’inversione di tendenza della Fed.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Materie prime

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.