Assegno unico: ok alla proroga della domanda per avere gli arretrati

Teresa Maddonni

29 Settembre 2021 - 17:26

condividi

Per ottenere l’assegno unico per i figli temporaneo con gli arretrati di luglio e agosto arriva la proroga che porta la scadenza oltre la data del 30 settembre. La decisione è stata presa in CdM.

Assegno unico: ok alla proroga della domanda per avere gli arretrati

Per l’assegno unico per i figli arriva la proroga della domanda per avere gli arretrati oltre la scadenza del 30 settembre.

La proroga dei termini per fare domanda per ottenere gli arretrati di luglio e agosto dell’assegno unico per i figli temporaneo è arrivata con decisione del Consiglio dei Ministri che ha approvato un decreto-legge che interviene in materia di giustizia e altre proroghe.

L’assegno unico, introdotto dal governo per il periodo che va dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, può essere richiesto sempre fino a fine anno, ma per ottenere anche le mensilità di luglio e agosto, gli arretrati, la stessa andava inviata all’INPS entro il 30 settembre.

A causa di numerosi problemi riscontrati, le famiglie hanno chiesto di prorogare la scadenza oltre quella data e di avere così più tempo per fare la domanda per ottenere gli arretrati dell’assegno unico per i figli. Un’apertura in merito era arrivata già qualche giorno fa dalla ministra per la Famiglia Elena Bonetti. Ora il CdM porta la scadenza per la domanda al 31 ottobre.

Assegno unico: proroga domanda per avere gli arretrati

Per l’assegno unico per i figli arriva la proroga oltre il 30 settembre per la domanda finalizzata anche a ottenere gli arretrati. C’è la data e la conferma ufficiale arriva dal comunicato stampa pubblicato sul sito della presidenza del Consiglio dei Ministri:

“Il Consiglio dei Ministri ha inoltre prorogato alla data del 31 ottobre 2021 i termini, precedentemente fissati al 30 settembre 2021, per la presentazione delle domande di assegno temporaneo per i figli con effetti retroattivi dal 1° luglio 2021.”

La richiesta è arrivata dal Forum delle Associazioni Familiari dal momento che si sono riscontrate numerose criticità per richiedere il sostegno.

Il Forum ha chiesto di prorogare la possibilità di ottenere anche gli arretrati dell’assegno unico per le famiglie con figli minori a carico alla fine di ottobre. Richiesta finalmente esaudita.

Occorre ricordare che con l’assegno unico per i figli temporaneo è stato introdotto anche l’aumento degli ANF e per quest’ultima prestazione si hanno almeno 5 anni per richiedere gli arretrati.

Proroga domanda assegno unico figli per arretrati: troppe difficoltà

Le famiglie hanno riscontrato troppe difficoltà nel richiedere l’assegno unico per i figli. Di recente introduzione ci sono tantissime famiglie, come denuncia il Forum, che non sanno ancora come ottenere l’assegno unico. Tra i motivi che potrebbero essere alla base dei problemi riscontrati troviamo:

  • Caf chiusi in estate;
  • famiglie in vacanza;
  • lungaggini burocratiche;
  • domande respinte senza motivazioni chiare;
  • campagna informativa poco efficace.

Oltre le famiglie beneficiarie del reddito di cittadinanza che possono ottenere l’assegno unico per i figli in automatico (sono 440mila), hanno fatto domanda per l’assegno unico per i figli il 33% degli aventi diritto stimati dal Mef nella relazione tecnica che ha accompagnato il decreto n. 79/2021 convertito con la legge n. 112/2021 che ha introdotto l’assegno unico per i figli. I dati INPS della scorsa settimana parlano di 452mila domande di cui solo il 37% riceverà il pagamento.

Va ricordato, e anche questo aspetto è da considerare, che l’assegno unico si rivolge anche agli autonomi i quali non hanno dimestichezza con la presentazione dell’ISEE, senza contare che oltre una certa soglia la cifra del beneficio diventa irrisoria.

La maggior parte delle domande infatti, il 53%, è arrivata da nuclei con ISEE inferiore a 10mila euro. Ora tutti avranno più tempo per ottenere gli arretrati e con la domanda da presentare entro il 31 ottobre si otterranno ben quattro mensilità.

Argomenti

# INPS

Iscriviti a Money.it