Forex: EUR/USD, tensioni tra Roma e Bruxelles appesantiscono il cambio

I corsi del cambio principale rimangono in prossimità del supporto a 1,1500, area che delimita, almeno nel breve termine, le forze rialziste da quelle ribassiste. Impostiamo le strategie operative

Forex: EUR/USD, tensioni tra Roma e Bruxelles appesantiscono il cambio

Quotazioni di EUR/USD in calo nella giornata odierna. Il cambio principale ritorna a ridosso dei minimi segnati nei primi giorni di ottobre a quota 1,1465 dopo la candela di indecisione di venerdì scorso.


EUR/USD, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Il recente momentum ribassista riporta i corsi al di sotto del livello statico di medio periodo creatosi con il minimo segnato negli ultimi giorni del mese di maggio a 1,1508, successivamente testato con la candela del 21 giugno scorso.

La view ribassista di breve termine, con il vigoroso calo delle quotazioni in atto dai top segnati a 1,1817 con la candela del 24 settembre verrebbe confermata se la chiusura odierna dovesse attestarsi al di sotto del livello statico supportivo.

Se al contrario durante la giornata odierna i corsi dovessero riprendere vigore e ritornare quanto meno al di sopra di 1,1508, allora potrebbe venir disegnata una candela con una shadow inferiore la quale potrebbe richiamare l’interesse dei compratori.

In tal caso una chiusura al di sopra del massimo della candela doji di venerdì a 1,1550, potrebbe favorire un impulso rialzista fino ai top di fine settembre, ma bisognerà prestare attenzione alla media mobile semplice a 50 periodi, ora transitante a 1,1593 e alla trendline resistenziale discendente a quota 1,1760, elementi che potrebbero ostacolare la risalita del cambio.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategia operativa su EUR/USD


Elaborazione ufficio studi Money.it

Alla luce della struttura del cambio principale, si potrebbe implementare una strategia long con una rottura del massimo a quota 1,1550, con stop loss posizionato al di sotto dei minimi della settimana scorsa a 1,1464. Primo obiettivo di profitto a quota 1,1735 massimo segnato il 28 agosto scorso, target finale nei pressi dell’area resistenziale a 1,1817.

Se al contrario, il recente momentum ribassista dovesse continuare, una chiusura al di sotto di 1,1464 potrebbe dare il via ad operazioni di natura ribassista con primo target 1,1299, obiettivo finale a ridosso della trendline discendente di lungo periodo che collega i massimi del mese di agosto 2015 e di maggio 2016, ora transitante a 1,1270.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su analisi tecnica

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.