Agenda macro 9 gennaio 2018: focus su verbali FOMC e disoccupazione di Italia ed Eurozona

Con l’eccezione del dato sul tasso di disoccupazione italiana e del Vecchio continente, la giornata procederà senza eventi di rilievo. Le attenzioni degli operatori saranno focalizzate su quanto emergerà dalla lettura delle minute del braccio operativo della Fed, dopo che il presidente dell’istituto centrale americano, Jerome Powell, ha aperto alla possibilità di una pausa nel rialzo dei tassi

Agenda macro 9 gennaio 2018: focus su verbali FOMC e disoccupazione di Italia ed Eurozona

L’agenda macro odierna, come si vede dal nostro calendario economico, non presenta molti eventi rilevanti: sono infatti numerose le rilevazioni relative al mese di novembre 2018.

L’attenzione degli operatori sarà però focalizzata sulle minute del FOMC. Tale evento sarà di particolare importanza, visti gli atteggiamenti più dovish del numero uno della Federal Reserve, Jerome Powell, che si è detto più cauto sul percorso di normalizzazione della politica monetaria.

Gli investitori monitoreranno attentamente quanto emergerà dai verbali del braccio operativo della Fed, in modo da comprendere se ci saranno o meno variazioni nel percorso dei tassi.

Il focus sulla disoccupazione di Italia ed Eurozona

Per quanto riguarda la mattina, gli occhi saranno puntati sul tasso di disoccupazione del Vecchio continente relativo allo scorso novembre.

Questa informazione farà comprendere se il trend discendente che ha caratterizzato questo indicatore economico dalla seconda metà di dicembre stia proseguendo o stia subendo una pausa. Gli analisti censiti da Bloomberg si aspettano in questo caso un dato pari all’8,1%, in linea con le ultime rilevazioni.


Andamento della disoccupazione in Italia dal 2009. Fonte: Bloomberg

Questo indicatore, nella sua versione preliminare, verrà rilasciato anche per quanto riguarda il nostro Paese. In questo caso, la discesa della disoccupazione ha avuto un decremento molto meno deciso rispetto al benchmark europeo: l’ultimo dato relativo a ottobre infatti, ha disatteso in negativo le attese degli esperti censiti da Bloomberg, evidenziando un calo più marcato dell’occupazione nel Belpaese.

Sarà quindi da tenere sott’occhio questo elemento, in modo tale da comprendere se l’ultimo sia stato un dato “eccezionale” o se darà vita ad una nuova fase di aumento dei disoccupati in Italia. Per oggi, il consensus è per un calo del tasso di disoccupazione al 10,5%, dal precedente 10,6%.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Punto macro

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.