Le 6 bombe ad orologeria nelle mani del Governo Conte, prossime settimane cruciali

Dal MES al piano spese italiano del Recovery Fund, dalla NADEF alla manovra, il tutto condito dal decreto Semplificazioni e decreto Agosto (per non parlare del referendum): ecco le 6 bombe ad orologeria nelle mani del Governo Conte.

Le 6 bombe ad orologeria nelle mani del Governo Conte, prossime settimane cruciali

Sono sei le bombe ad orologeria (le più potenti, perché è chiaro che siamo un vasto campo minato) nelle mani del Governo Conte che promettono caos e guai a partire dal mese di settembre, così cruciale a livello politico ma soprattutto in materia di finanza pubblica.

Non solo il referendum sul taglio dei parlamentari: parliamo del futuro dell’economia italiana, dalla pianificazione delle spese prioritarie con i soldi del Recovery Fund alla realizzazione della NADEF, di assai difficile gestione considerato lo stato del bilancio statale anche prima degli effetti della pandemia da COVID-19. Aggiungiamoci l’incognita del MES e il passaggio in Parlamento del decreto Agosto e decreto Semplificazioni, e il (possibile) caos è servito.

Settimane di fuoco per il Governo Conte

Si preannunciano settimane di fuoco quelle in arrivo per il Governo Conte (e i risultati del venturo referendum sono solo uno dei tanti motivi per cui, forse, ne vedremo delle «belle»). Una commistione di scadenze, tra iter parlamentari già previsti e gestione delle finanze statali, preannuncia il rischio di disordini e confusione in Parlamento e non solo. L’auspicio, ça va sans dire, è che tutto proceda liscio come l’olio e nel rispetto delle numerose e improrogabili scadenze.

In agenda (ed entro il 20 ottobre), il Governo Conte deve:

  • pianificare la gestione del budget dal Recovery Fund;
  • decidere se procedere con il MES;
  • redigere la NADEF;
  • far approvare il decreto Semplificazioni;
  • far approvare il decreto Agosto;
  • lavorare sulla manovra autunnale.

#1 Il Recovery Fund

Il Parlamento deve redigere una lista di priorità che definisca come (e dove) spendere i soldi provenienti dal Recovery Fund. Camera e Senato inizieranno a discuterne a partire dal 1° settembre, inaugurando un lungo ciclo di audizioni. A lavoro in maniera congiunta anche la Commissione Bilancio e la Commissione Politiche dell’Unione Europea.

Bruxelles attende il piano italiano entro e non oltre il 15 ottobre, corredato dal Documento programmatico di bilancio che indichi in che modo l’esecutivo ha intenzione di sanare le ferite dell’economia italiana a partire dalla manovra di questo autunno.
Abbiamo un mese e mezzo per arrivare all’obiettivo compatti e sfruttare al meglio questi 209 miliardi di euro. Ce la faranno i nostri eroi?

#2 Il MES

Il Governo procederà con una richiesta di prestito al Meccanismo Europeo di Stabilità? Nulla è stato ancora deciso e tutto è avvolto in un’aurea di mistero, ma una cosa è certa: la necessità di farvi ricorso sarà dettata da cosa uscirà quando l’esecutivo inizierà a lavorare sulla NADEF.

#3 La NADEF

Conte &Co. sono chiamati a presentare la Nota di Aggiornamento del DEF al Senato e alla Camera (NADEF) entro la fine di settembre. A livello di finanza pubblica sarà un momento cruciale per comprendere lo stato dell’economia italiana e quantificare i danni della pandemia. Il documento dovrà contenere anche le stime previsionali aggiornate su debito, PIL e deficit, la base da cui l’esecutivo dovrà partire per pensare alla prossima manovra.

#4 IL Decreto Semplificazioni

Il testo provvisorio del decreto Semplificazioni dovrebbe arrivare in Senato martedì 1° settembre, al più il giorno seguente data la discordia su alcuni punti fondamentali in Commissione. La bozza deve essere convertita in legge entro il 14 settembre (e il tempo scorre).

#5 Il Decreto Agosto

Per l’approvazione del decreto il Senato ha tempo fino al 13 ottobre. Si ricorda che il valore delle misure inserite all’interno del testo è di 300 milioni di euro e che qui convogliano 25 dei 100 miliardi di euro che il Governo Conte ha messo in campo nella lotta contro la crisi economica dettata dal COVID-19.

#6 La Manovra

La scadenza per la manovra d’autunno è fissata al 20 ottobre e gran parte del suo contenuto dipenderà dalle previsioni su debito e PIL che saranno contenute nella NADEF. Ciò che ne verrà fuori, a sua volta, sarà cruciale per decidere se procedere con il MES, conti alla mano.

Non ci resta che attendere, saranno delle lunghe settimane.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1648 voti

VOTA ORA