Le 3 forze che stanno cambiando l’economia globale secondo JP Morgan

Violetta Silvestri

4 Aprile 2022 - 15:28

condividi

Il presidente di JP Morgan, Jamie Dimon, ha parlato di 3 forze in azione in questo momento storico che stanno plasmando il mondo, gli Usa e l’economia globale tutta. Quali sono e cosa aspettarsi?

Le 3 forze che stanno cambiando l'economia globale secondo JP Morgan

Una combinazione di rischi potenzialmente senza precedenti per gli Usa e per l’economia globale si sta concretizzando secondo Jamie Dimon, CEO e presidente della più grande banca statunitense per asset, JP Morgan.

È probabile che 3 forze daranno forma al mondo nei prossimi decenni: un’economia statunitense in ripresa dalla pandemia di Covid; l’inflazione elevata che inaugurerà un’era di tassi in aumento e l’invasione russa dell’Ucraina e la conseguente crisi umanitaria ora in corso, secondo Dimon.

Cosa può accadere alla finanza e alla crescita mondiali e come agire? Un’analisi dalla lettera agli azionisti del presidente JP Morgan.

L’economia globale cambia: la guerra nel mirino

La lettera di Dimon agli azionisti, scritta ogni anno, ha assunto un tono più abbattuto dalla sua missiva del 2021.

Mentre scriveva ampiamente sulle sfide che deve affrontare l’America, comprese le disuguaglianze economiche e le disfunzioni politiche, quella lettera di un anno fa trasmetteva la sua convinzione che gli Stati Uniti fossero nel mezzo di un boom visto in ascesa fino al 2023.

Ora, tuttavia, lo scoppio del più grande conflitto europeo dalla Seconda Guerra Mondiale ha cambiato le cose, agitando i mercati, riallineando le alleanze e ristrutturando i modelli commerciali globali, ha scritto. Ciò introduce sia rischi che opportunità per gli Stati Uniti e altre democrazie, secondo Dimon.

Innanzitutto c’è il tema guerra in Ucraina, così impattante, sorprendente e incerto. Gli Stati Uniti devono essere preparati per un lungo conflitto con esiti imprevedibili, ha affermato Dimon, aggiungendo che mentre l’esposizione diretta di JP Morgan alla Russia è limitata, l’azienda potrebbe comunque perdere circa 1 miliardo di dollari nel tempo.

La più grande banca statunitense, con 3,74 trilioni di dollari di attività a fine anno, è anche preoccupata per gli impatti secondari delle sanzioni e della risposta della Russia.

Secondo le stime del Ceo, le ricadute della guerra e le conseguenti sanzioni ridurranno il Pil russo del 12,5% entro metà anno (un calo peggiore del 10% dopo il default del 1998).

Gli economisti JP Morgan attualmente pensano che l’area dell’euro, fortemente dipendente dalla Russia per petrolio e gas, vedrà una crescita del Pil di circa il 2% nel 2022, invece del ritmo elevato del 4,5% che ci si aspetta solo sei settimane fa. Al contrario, si prevede che l’economia statunitense avanzi di circa il 2,5% contro un 3% stimato in precedenza. “Ma avverto che queste stime si basano su una visione abbastanza statica della guerra in Ucraina e delle sanzioni ora in vigore”, ha ammonito Dimon.

In questa cornice si inserisce la minaccia delle catene di approvvigionamento: vanno ristrutturate. Come? Questa l’idea del presidente:

“Ci saranno vincitori e vinti: alcuni dei principali beneficiari saranno Brasile, Canada, Messico e nazioni amiche del Sud-Est asiatico. Oltre a riconfigurare le nostre catene di approvvigionamento, dobbiamo creare nuovi sistemi commerciali con i nostri alleati. Come accennato in precedenza, la mia preferenza sarebbe rientrare nel TPP: è il miglior accordo geostrategico e commerciale possibile con le nazioni alleate”

Dimon ha chiesto una riformulazione del commercio e delle catene di approvvigionamento, dove la sicurezza nazionale va al primo posto. “L’aumento dei prezzi dell’energia evidenzia l’urgente necessità globale di fornire risorse energetiche in modo sicuro, affidabile e conveniente”, ha sottolineato il Ceo.

Fed nel mirino: cosa deve fare per Dimon?

Inflazione elevata e crescita Usa: come equilibrare? Tutto passa nelle difficili decisioni della Fed, ne è convinto il presidente JP Morgan.

Più forte è la ripresa, più alti saranno i tassi che seguiranno e più forte sarà l’inasprimento quantitativo: ecco l’equazione di Dimon.

“Se la Federal Reserve fa le cose giuste, possiamo avere anni di crescita e l’inflazione alla fine comincerà a diminuire. In ogni caso, questo processo causerà molta costernazione e mercati molto volatili. La Fed non dovrebbe preoccuparsi della volatilità dei mercati a meno che non influiscano sull’economia reale. Un’economia forte ha la meglio sulla volatilità del mercato”, ha suggerito Dimon.

Un primo bilancio è positivo, ma non troppo:

“La Federal Reserve e il governo hanno fatto la cosa giusta intraprendendo azioni audaci e drammatiche in seguito alla disgrazia scatenata dalla pandemia. Con il senno di poi, ha funzionato. Ma anche col senno di poi, la medicina (spesa fiscale e QE) è stata probabilmente eccessiva ed è durata troppo a lungo”

Per il presidente JP Morgan, quindi, sono ancora tanti i punti interrogativi dell’anno in corso. Vero è che le 3 forze in grado di dare nuova forma al mondo economico e finanziario sono in movimento: ripresa Usa, inflazione e tassi di interesse, guerra in Ucraina.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te