Vaccino: fra 6 mesi dosi per un terzo degli italiani, ma l’immunità ne dura solo 5

Mario D’Angelo

31 Dicembre 2020 - 00:12

31 Dicembre 2020 - 00:13

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo Walter Ricciardi, consigliere di Speranza, l’immunità da vaccino al Covid-19 dura soltanto 5 mesi. Già a maggio, quindi, molti dovranno ripetere la vaccinazione.

Vaccino: fra 6 mesi dosi per un terzo degli italiani, ma l'immunità ne dura solo 5

Fra 6 mesi circa, il totale di dosi destinate all’Italia dovrebbe bastare a vaccinare circa 18 milioni di cittadini. Il numero rappresenta poco meno del 30% della popolazione italiana. Benché lontana da quella necessaria a raggiungere l’immunità di gregge, la percentuale potrebbe sembrare cospicua. Non fosse che secondo il consigliere del Ministero della Salute, Walter Ricciardi, l’immunità da vaccino ha una durata di soli 5 mesi.

Se così fosse, chi riceverà il vaccino nella prima fase della campagna vaccinale dovrà riceverlo di nuovo prima dell’estate.

Ricciardi, l’immunità da vaccino dura 5 mesi

Per i prossimi sei mesi circa avremo dosi di vaccino per una parte significativa di popolazione, circa 18 milioni di italiani”, ha detto oggi il professor Ricciardi all’Adnkronos.

Nella stessa occasione, il consigliere del ministro Roberto Speranza ha detto, in merito alla durata dell’immunità: “Stiamo monitorando e fino a questo momento sappiamo che avrà una durata di circa 5 mesi, è da verificare se avrà una durata più lunga”.

Il personale sanitario e gli anziani che in questi giorni stanno ricevendo le dosi, quindi, a maggio ne avranno bisogno di nuovo. E le altre categorie a rischio che lo riceveranno nei prossimi due mesi dovranno ripetere la vaccinazione fra giugno e luglio. La percentuale di italiani immuni in un dato periodo di tempo, dunque, si aggirerà su percentuali molto più basse.

Misure restrittive anche a campagna vaccinale inoltrata

Questo vuol dire, come è stato ribadito più volte dalla comunità scientifica, che le misure restrittive dovrebbero rimanere in vigore almeno per buona parte della primavera, ed è improbabile che in autunno avremo raggiunto l’immunità di gregge.

La lotta al Covid-19 potrebbe ricevere una spinta con una maggiore disponibilità di dosi ma, ha aggiunto Ricciardi, questa speranza dipende dallo sblocco del vaccino di AstraZeneca, ha aggiunto Ricciardi. Nei giorni scorsi, l’Ema, agenzia europea del farmaco, ha fatto sapere che il via libera probabilmente non arriverà prima di febbraio 2021.

Report ISS, Rt sale per tre settimane di fila

La necessità di mantenere “nel tempo la linea di rigore delle misure di mitigazione adottate” è stata ribadita oggi nel rapporto sul monitoraggio della situazione epidemiologica dell’Istituto Superiore di Sanità.

La pandemia, scrive l’ISS, è ancora grave e l’indice di trasmissibilità Rt è salito per la terza settimana di fila a 0,93.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories