L’inflazione sfiora l’80% in Turchia: cosa aspettarsi?

Violetta Silvestri

3 Agosto 2022 - 12:56

condividi

Aumenta ancora l’inflazione turca, toccando nuovi massimi e mostrando un costo della vita sempre più elevato. Erdogan resta l’unico ottimista: cosa aspettarsi in Turchia?

L'inflazione sfiora l'80% in Turchia: cosa aspettarsi?

L’inflazione turca è salita al nuovo massimo degli ultimi 24 anni con il +79,6% a luglio.

La continua debolezza della lira e i costi globali dell’energia e delle materie prime hanno spinto i prezzi al rialzo, anche se di entità inferiore alle previsioni.

Erdoğan ha finora rifiutato l’ortodossia economica consolidata secondo cui l’aumento dei tassi di interesse aiuta a frenare l’inflazione e ha insistito per mantenere il tasso debitore della banca centrale al 14%, nonostante i prezzi siano aumentati al massimo da decenni.

Alcuni analisti e partiti di opposizione ritengono che il livello reale di inflazione sia superiore ai dati ufficiali. Il CPI della Turchia è rimasto bloccato su un aumento a due cifre per la maggior parte degli ultimi tre anni.

Anche se potrebbe essere vicino il picco, la questione del costo della vita turca resta un’emergenza. La lira è stata scambiata piatta dopo i dati a 17,9560 rispetto al dollaro. Ha toccato un minimo storico di 18,4 a dicembre.

Inflazione Turchia: nuovo record, sarà il picco?

Non si placano i prezzi turchi. L’inflazione ha iniziato a salire lo scorso autunno, quando la lira è crollata dopo che la banca centrale ha gradualmente ridotto il tasso di riferimento di 500 punti base al 14% in un ciclo di allentamento voluto dal presidente Tayyip Erdogan.

Mese su mese, i prezzi al consumo sono aumentati del 2,37% a luglio, ha affermato il Turkish Statistical Institute, al di sotto di una previsione del sondaggio Reuters del 2,9%. Annualmente, l’inflazione dei prezzi al consumo era prevista all’80,5% a fronte del rilevato 79,6%.

Jason Tuvey, economista senior dei mercati emergenti presso Capital Economics, ha affermato che l’inflazione annuale potrebbe avvicinarsi al picco con l’energia in forte calo e l’inflazione alimentare che sembra prossima al topping.

“Anche se l’inflazione è vicina al picco, rimarrà nei prezzi dei suoi attuali tassi molto elevati per molti altri mesi”, ha affermato Tuvey in una nota.

In questa ultima lettura, il più grande aumento annuale dei prezzi al consumo è stato nel settore dei trasporti, in crescita del 119,11%, mentre i prezzi di cibo e bevande analcoliche sono aumentati del 94,65%.

L’inflazione annuale è ora al livello più alto dal settembre 1998, quando raggiunse l’80,4% e la Turchia stava lottando per porre fine a un decennio di prezzi alti in modo cronico. Il Governo ha affermato che l’inflazione diminuirà come risultato del suo programma economico, che dà la priorità a tassi bassi per aumentare la produzione e le esportazioni e mira a raggiungere un avanzo delle partite correnti.

Erdogan ha affermato che si aspetta che l’inflazione scenda a livelli “appropriati” entro febbraio-marzo del prossimo anno, mentre la banca centrale ha alzato le sue previsioni di fine 2022 al 60,4% giovedì scorso dal 42,8% precedente.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.