Trimestrale UniCredit e bilancio 2019 sotto i riflettori: tutti i dati

Azioni UniCredit: trimestrale e bilancio 2019 finalmente al vaglio del mercato

Trimestrale UniCredit e bilancio 2019 sotto i riflettori: tutti i dati

Azioni UniCredit in focus dopo la pubblicazione di trimestrale e bilancio 2019.

In attesa dei conti, come di consueto, i 20 broker che coprono il titolo hanno formulato le proprie previsioni sui risultati dell’istituto di Jean Pierre Mustier.

Le stime sono state elaborate circa una settimana prima della pubblicazione dei conti di periodo. Il calendario completo di Borsa Italiana ha fornito una panoramica generale sugli appuntamenti da non perdere.

Ancora una volta, di fronte al bilancio 2019 e alla trimestrale le azioni UniCredit sono finite sotto i riflettori di Borsa Italiana.

Azioni UniCredit: trimestrale messa a nudo

Nel 4° trimestre del 2019, ossia nel periodo compreso tra ottobre e dicembre, la banca di Jean Pierre Mustier ha portato a casa un utile operativo lordo di 2,3 miliardi in aumento del 13,3% rispetto a quello dell’anno precedente.

L’utile netto sottostante di gruppo emerso dalla trimestrale di UniCredit ha lasciato senza parole: l’incremento è risultato del 68,5% su base tendenziale e ha portato il dato complessivo a 1,4 miliardi di euro.

Il margine di interesse netto è sceso dell’1,6% a quota 2,5 miliardi, mentre le commissioni sono lievemente salite a 1,6 miliardi. I costi della trimestrale infine sono scesi di 4,4 punti percentuali a 2.5 miliardi, mentre il ratio tra crediti deteriorati lordi e totale è sceso del 2,7% al 5%.

Bilancio 2019 sotto la lente

Per ciò che concerne il bilancio 2019, l’utile netto contabile si è attestato a 3,4 miliardi di euro, mentre quello sottostante di gruppo ha toccato quota 4,7 miliardi (+55,5%). Performance, queste, definite da record dalla stessa società. Le azioni UniCredit finiranno inevitabilmente sotto i riflettori oggi.

Tra gli altri dati di rilievo come non annoverare quelli sui ricavi, arrivati a lambire i 18,8 miliardi (sopra le attese di guidance a 18,7 mld). Anche i costi hanno fatto meglio del previsto e si sono attestati a 9,9 miliardi (da un target di 10,6 mld).

Il CET 1 Ratio pro forma si è attestato al 13,09% con MDA buffer di 300 punti base, mentre il patrimonio netto tangibile di 53 miliardi di euro è balzato del 9,8% su base annua.

In virtù di trimestrale e bilancio 2019, UniCredit ha proposto il pagamento di un dividendo cash di 63 centesimi per azione (1,4 miliardi) con una proposta di buyback di 0,5 miliardi di euro.

Le stime per l’anno fiscale 2020

Le indicazioni societarie sull’anno fiscale appena iniziato possono essere così riassunte:

  • Ricavi: €18,2 miliardi
  • Costi: < a €10,2 miliardi
  • COR: 46 punti base
  • Utile netto sottostante: €4,3 miliardi
  • ROTE: 8%

Saranno questi, insomma, i dati con cui dovranno fare i conti oggi le azioni UniCredit. La trimestrale e il bilancio 2019 verranno passati al setaccio dall’intero mercato.

— -
Il contenuto seguente è stato redatto prima della pubblicazione dei conti di periodo e ha riguardato le attese degli analisti

Le previsioni sul 4° trimestre 2019

Per l’ultimo trimestre del 2019 il consensus ha previsto un risultato negativo medio di 1,124 miliardi di euro e uno mediano sempre negativo per 1,097 miliardi. Stime, queste, più pessimiste rispetto agli 840 milioni di euro portati a casa nello stesso periodo dell’anno precedente.

Le previsioni sulla trimestrale di UniCredit hanno anche parlato di una media di ricavi pari a 4,65 miliardi e di una mediana di 4,658 miliardi da confrontare con i 4,856 miliardi dell’ultimo quarto del 2018.

Ancora secondo le stime, il risultato di gestione si attesterà rispettivamente a 1,96 e 2,014 miliardi di euro, e farà i conti con i 2,138 miliardi del pari periodo dell’anno precedente.

Le rettifiche sui crediti saliranno da 923 milioni a 1,725 in media e 1,756 in mediana, mentre il risultato netto di gestione passerà a 202 milioni in media e a 207 in mediana (da quota 1,215 miliardi).

Il risultato ante imposte, hanno continuato le previsioni sulla trimestrale, si attesterà a -1,277 miliardi in media e -1,460 miliardi in mediana (dai 778 milioni dell’anno precedente).

Per quel che riguarda i costi operativi invece il consensus ha stimato 2,724 in media e 2,655 miliardi in mediana, dai precedenti 2,718 miliardi.

Le previsioni sull’intero 2019

Le stime sulla trimestrale di UniCredit hanno inevitabilmente condizionato quelle sull’intero 2019, anno archiviato secondo il consensus con un utile netto di 3,11 miliardi, in calo rispetto ai 3,852 miliardi del 2018.

Previsti in discesa anche i ricavi, giù dai precedenti 19,723 miliardi a quota 18,643 in media e 18,647 in mediana.

Per le altre voci, invece, il consensus ha così deciso:

  • risultato di gestione: 8,389 miliardi in media e 8,566 miliardi in mediana (da 9,025 miliardi);
  • rettifiche su crediti: 3,384 miliardi in media e 3,492 miliardi in mediana (da 2,619 miliardi);
  • risultato netto di gestione: 5,004 miliardi in media e 5,02 miliardi in mediana (da 6,406 miliardi);
  • risultato ante imposte: 3,147 miliardi in media e 3,005 miliardi in mediana (da 3,619 miliardi)
  • costi operativi: 10,254 miliardi in media e 10,077 in mediana (da 10,698 miliardi).

Come previsto dal calendario, la trimestrale di UniCredit verrà approvata e resa nota il prossimo 6 febbraio. Sarà allora che le stime formulate verranno confermate o smentite dai dati.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories