Superbonus 110% verso la proroga al 2023, ma con novità sulle villette

Rosaria Imparato

20/10/2021

20/10/2021 - 12:58

condividi

Novità importanti sulla proroga del superbonus 110% in Legge di Bilancio 2022: secondo le ultime anticipazioni, la misura è estesa fino al 2023 ma le villette sono escluse.

Superbonus 110% verso la proroga al 2023, ma con novità sulle villette

Il Documento Programmatico di Bilancio è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il 19 ottobre. Si tratta del provvedimento che fa da cornice alla Legge di Bilancio 2022. Il comunicato stampa del CdM non contiene una proroga esplicita del superbonus 110%, tuttavia secondo le ultime anticipazioni la misura è stata estesa fino al 2023.

Il settore dei bonus edilizi è uno di quelli in cui maggioranza e Governo faticano a trovare un compromesso: da un lato, infatti, c’è la maggioranza compatta nel voler prorogare in toto i bonus casa per il 2022 e il superbonus 110% per il 2023.

Dall’altro lato, c’è il ministro dell’Economia Franco, che non appare troppo convinto di una proroga secca delle agevolazioni per la casa. Sembra che si sia trovata una via di mezzo, con il superbonus 110% fino al 2023 (ma non per le villette unifamiliari) e gli altri bonus casa fino al 31 dicembre 2022 (con l’esclusione del bonus facciate).

Superbonus 110% verso la proroga al 2023

Il superbonus 110% è quell’agevolazione fiscale che consente di fare i lavori di riqualificazione energetica e di riduzione del rischio sismico praticamente a costo zero, grazie al suo meccanismo di fruizione.

Tre i modi per avvantaggiarsi del 110%:

Un meccanismo che si autoalimenta, e che fa richiedere la proroga del superbonus da tutte le parti coinvolte: non solo i cittadini, che stanno puntando all’efficienza energetica (e al conseguente risparmio), ma anche delle imprese che gestiscono i lavori e dei professionisti che si occupano dei documenti necessari.

Proroga superbonus 110%: con quali novità?

Per poter accedere al superbonus bisogna fare uno dei lavori trainanti, chiamati così perché “sbloccano” l’agevolazione al 110%. Gli interventi trainanti sono:

  • il cappotto termico, sia di edifici plurifamiliari che unifamiliari;
  • la sostituzione di impianti termici con impianti centralizzati;
  • la sostituzione di impianti termici di edifici unifamiliari o di unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con accesso autonomo dall’esterno.

Effettuato uno dei lavori trainanti, si può decidere anche di fare uno degli interventi trainati, tra cui per esempio:

L’insieme di questi interventi deve portare a un salto energetico di due classi oppure il raggiungimento della classe energetica più alta. Per il sismabonus 110% invece basta eseguire un intervento di adeguamento antisismico.

L’impianto di funzionamento del superbonus 110% non dovrebbe cambiare, e la proroga del superbonus 110% in Legge di Bilancio 2022 dovrebbe essere praticamente certa fino al 2023.

Ci sono tuttavia delle novità, che non si trovano nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri del 19 ottobre ma vengono anticipate dal Sole 24 Ore.

La proroga infatti sarebbe molto selettiva, destinata solo a condomini e IACP. Escluse invece le villette.

Proroga solo per il superbonus 110% o anche per gli altri bonus casa?

Il futuro invece sembra un po’ più incerto per gli altri bonus casa, tutti in scadenza il 31 dicembre 2021. Senza una proroga, quindi, l’intero pacchetto delle agevolazioni per la casa termina di colpo a fine anno.

Il ministro MEF Franco ha affermato, durante l’audizione al Senato del 5 ottobre, che il Governo ha intenzione di sostenere il settore edilizio, tuttavia tutti questi incentivi sono troppo onerosi per le finanze pubbliche.

Una strada quindi potrebbe essere quella di prorogare il superbonus 110% fino al 2023 (per la complessità di alcuni lavori è necessario avere più tempo a disposizione) mentre gli altri bonus casa potrebbero essere estesi solo fino a dicembre 2022. Anche in questo caso ci sono delle novità: sempre secondo il Sole 24 Ore, il bonus facciate non verrà prorogato per il prossimo anno.

Infine, un’importante novità per il settore turistico, che potrà accedere al superbonus 80%.

Iscriviti a Money.it