Scuola: la didattica a distanza torna alle superiori?

Scuola: la proposta di tornare alla didattica a distanza alle superiori è stata avanzata nel pomeriggio di ieri da alcuni presidenti di Regione. Secco il no di Azzolina.

Scuola: la didattica a distanza torna alle superiori?

Scuola: alle superiori torna la didattica a distanza? Con il nuovo DPCM per le misure di contenimento dei contagi da Covid-19 arrivano anche disposizioni per la scuola.

Proprio nella giornata del 12 ottobre, ben prima della firma del decreto da parte del premier Giuseppe Conte e del ministro della Salute Speranza, è arrivata la proposta di ripristinare la didattica a distanza nelle scuole superiori.

La richiesta di riportare quella che più comunemente viene detta DaD nelle scuole superiori è arrivata nella da alcuni presidenti di Regione. Nel testo firmato dal Premier questa eventualità è scongiurata; e per il futuro?

Scuola, didattica a distanza alle superiori: il no di Azzolina

Per la scuola la richiesta di ritornare alla didattica a distanza nelle scuole superiori da prevedere con il nuovo DPCM è arrivata nella giornata del 12 ottobre da alcuni presidenti di Regione. Secco è arrivato il no della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, ma nulla è definitivo, come questo 2020 ci ha insegnato.

Da una parte le Regioni dall’altra il governo: durante l’incontro di ieri pomeriggio con i governatori, prima della firma del DPCM, è pervenuta la proposta di ripristinare la didattica a distanza almeno per le scuole superiori.

Alla fine tutto si è risolto in un nulla di fatto data l’opposizione di una parte dei presidenti e della ministra Azzolina.

L’idea di riattivare la DaD in tutte le scuole superiori di Italia deriva dalla necessità di decongestionare il trasporto pubblico per il quale, evidentemente, la capienza dell’80% non si riesce a rispettare e comunque risulta una misura poco efficace.

Per Azzolina però la scuola è un luogo sicuro: pochi focolai e rispetto delle regole imposte dal Miur. Non solo, centrale è il rispetto della volontà di studenti e genitori che chiedono di partecipare alle lezioni in presenza.

Nulla è perduto però: sebbene nel nuovo DPCM la misura di ripristino della didattica a distanza alle superiori non sia stata inserita e l’elemento centrale per la scuola sia lo stop alle gite scolastiche, non è detto che questo non possa avvenire in futuro.

Proprio domani infatti, mercoledì 14 ottobre, dovrebbe tenersi la riunione con la ministra dei Trasporti Paola de Micheli. La riunione è prevista per il pomeriggio e dovrebbero partecipare associazioni rappresentative delle aziende del trasporto pubblico locale, i rappresentanti della Conferenza delle Regioni, di Anci e di Upi.

Il nuovo DPCM infatti stabilirebbe che il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, con il ministero della Salute, può integrare o modificare con proprio decreto le linee guida in materia di trasporto pubblico per limitare i contagi da Covid. Se una soluzione non dovesse essere trovata in materia di trasporti non è detto che non potrebbe ripresentarsi la proposta della didattica a distanza almeno per le superiori.

Didattica a distanza alle superiori: opposizione sindacati

Per una volta il no alla didattica a distanza alle superiori mette d’accordo la ministra Azzolina e i sindacati. In merito si è espresso, in un’intervista a La Stampa, il segretario generale della CGIL Scuola Francesco Sinopoli che ha dichiarato:

“Ci siamo opposti e ci opporremo a questa eventualità. Si scaricano sulla scuola difficoltà esterne. Sono molto perplesso di fronte alla incapacità di fare sistema quando si tratta di gestire il funzionamento della scuola.”

Iscriviti alla newsletter

Money Stories