Scadenza tassa vidimazione libri sociali 2021: istruzioni e codice tributo modello F24

Francesco Oliva

28 Febbraio 2021 - 10:57

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il prossimo 16 marzo 2021 è il termine di scadenza della tassa vidimazione libri sociali per le società: vediamo insieme di cosa si tratta, le istruzioni ed il codice tributo da utilizzare nel modello F24.

Scadenza tassa vidimazione libri sociali 2021: istruzioni e codice tributo modello F24

Tassa vidimazione libri sociali 2021: scadenza fissata per martedì 16 marzo per il pagamento con modello F24.

La scadenza per la tassa di vidimazione dei libri sociali è un adempimento annuale che interessa società di capitali e cooperative.

Si tratta di un adempimento previsto per le sole società di capitali ovvero le società a responsabilità limitata (ordinaria e semplificata), le società per azioni e le società in accomandita per azioni. L’importo da versare dipende dall’ammontare del capitale sociale risultante dallo Stato Patrimoniale.

Il versamento della tassa vidimazione annuale libri sociali deve essere eseguito tramite modello F24, utilizzando il codice tributo 7085 dell’Agenzia delle Entrate, salvo per le costituende società che devono versare tramite bollettino postale.

Ecco la guida al versamento della tassa vidimazione libri sociali con soggetti obbligati, importi e modalità di pagamento.

Tassa annuale vidimazione libri sociali 2021: soggetti obbligati e soggetti esonerati

I soggetti obbligati al versamento della tassa annuale vidimazione libri sociali sono le società di capitali ovvero le società a responsabilità limitata, le società per azioni e le società in accomandita per azioni.

Il riferimento normativo è l’articolo 23, nota 3, Tariffa, D.P.R. 26.10.1972, n. 641 (Disciplina delle tasse sulle concessioni governative).

I soggetti esonerati dal pagamento della tassa vidimazione annuale libri sociali 2021 sono:

  • le società cooperative/di mutua assicurazione;
  • i consorzi che non assumono la forma di società consortile;
  • le società di capitali dichiarate fallite;
  • le società sportive dilettantistiche costituite in forma di società di capitali senza scopo di lucro affiliate ad una Federazione Sportiva Nazionale, ad una disciplina sportiva associata o ad un Ente di formazione sportiva (a condizione che il relativo atto costitutivo rispetti le condizioni previste dalla Legge n. 289/2002).

Tassa vidimazione libri sociali 2021: quali libri occorre vidimare?

La tassa annuale vidimazione libri sociali 2021 è prevista per i libri sociali obbligatori previsti dall’articolo 2421 del codice civile ovvero:

  • libro dei soci;
  • libro delle obbligazioni;
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee;
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione;
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale;
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni del comitato esecutivo;
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti;
  • ogni altro libro o registro per i quali l’obbligo della bollatura è previsto da norme speciali.

Questi libri devono essere numerati e vidimati presso un notaio o presso la Camera di Commercio.

Le altre scritture contabili e fiscali obbligatorie (libro giornale, registri IVA, ecc.) non devono essere vidimati.
Per tali scritture è previsto l’obbligo formale della numerazione progressiva.

Tassa annuale vidimazione libri sociali 2021: importi da versare

Gli importi da versare per la tassa annuale vidimazione libri sociali si differenziano a seconda del capitale sociale risultante dallo Stato Patrimoniale:

  • euro 309,87 se il capitale sociale è inferiore o uguale ad euro 516.456,90;
  • euro 516,46 se il capitale sociale è maggiore ad euro 516.456,90.

Qualora il capitale sociale dovesse variare in data successiva non ci sarebbe alcun effetto sulla tassa annuale vidimazione libri sociali.

Tassa vidimazione libri sociali 2021: come pagare per le costituende società di capitali

Soltanto per le società che devono ancora costituirsi presso il notaio è previsto che la tassa vidimazione libri sociali debba essere versata tramite bollettino postale.

In particolare, il versamento per l’anno di inizio attività va effettuato utilizzando il bollettino di c/c postale n. 6007 intestato a:

Agenzia delle Entrate - Centro operativo di Pescara - Bollatura numerazione libri sociali

prima della presentazione della dichiarazione di inizio attività ai fini Iva (normalmente predisposta ed inviata dal notaio).

Alla voce “eseguito da” occorre riportare il nome del rappresentante legale e la denominazione sociale.

Tassa annuale vidimazione libri sociali 2021: modalità di versamento, scadenza e ravvedimento operoso

La tassa annuale vidimazione libri sociali deve essere versata tramite modello F24, compilando la sezione Erario con codice tributo 7085 e anno di riferimento 2021.

La scadenza è il prossimo martedì 16 marzo 2021.

Ciò vale per tutte le attività societarie già operative.

Per le costituende società, invece, la tassa annuale vidimazione libri sociali 2019 deve essere versata tramite bollettino postale.

Infatti, il versamento per l’anno di inizio attività va effettuato utilizzando il bollettino di c/c postale n. 6007 intestato a: Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara - Bollatura numerazione libri sociali, prima della presentazione della dichiarazione di inizio attività ai fini Iva, su cui vanno riportati gli estremi di versamento.

In caso di ritardo o errori nel pagamento è possibile avvalersi dell’istituto del ravvedimento operoso.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories