Demolizione San Siro: l’Inter dice sì al nuovo stadio

San Siro: l’Inter dice sì al nuovo stadio e avvicina la demolizione della «Scala del calcio»

Demolizione San Siro: l'Inter dice sì al nuovo stadio

L’Inter dice sì al nuovo stadio e avvicina la demolizione di San Siro. Dopo i primi dubbi, la società nerazzurra ha deciso di continuare il progetto del nuovo San Siro insieme al Milan.

A renderlo noto è lo stesso amministratore delegato dell’Inter Alessandro Antonello, che rivela:

“Lo stadio è un asset fondamentale per la crescita dei club stessi. Il lavoro è ancora tanto, ma i tempi sono maturi. A breve comunicheremo al Comune quale sarà la scelta di entrambi i club. Questo perché Milano ha bisogno di uno stadio all’altezza delle principali città europee".

La decisione intrapresa dal Milan prima e dall’Inter poi sarebbe dettata da soprattutto da un motivo ben preciso: dare il via al rimodernamento di San Siro non sarebbe una scelta plausibile a causa di tanti fattori.

Tra questi spiccano: un allungamento delle tempistiche dei lavori, un costo economico troppo esoso da sostenere, risultati finali non ideali e comporterebbe la ricerca di un altro stadio dove giocare per una o due stagioni.

San Siro e l’ipotesi della demolizione

L’ipotesi che comporta la demolizione dello stadio San Siro diventa sempre più probabile giorno dopo giorno. La “Scala del calcio” quindi potrebbe chiudere definitivamente i cancelli nel 2022, visto che il nuovo stadio dovrebbe accogliere Milan e Inter a partire dalla stagione 2022/2023.

Va ricordato inoltre che il nuovo stadio pensato da Inter e Milan dovrebbe essere costruito proprio a fianco dell’attuale San Siro e più precisamente al posto dell’area parcheggi.

Prima di dare il via ai lavori però bisogna attendere che i due club presentino il progetto al Comune di Milano e che quest’ultimo dia il suo benestare alla realizzazione del nuovo San Siro.

L’accordo tra Inter e Milan potrebbe accorciare i tempi di questi due processi. Infatti, se precedentemente il progetto doveva essere presentato entro aprile, adesso secondo le indiscrezioni, potrebbe essere già sul tavolo di Palazzo Marino la prossima settimana.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Inter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.