La Russia bombarda Kyiv: cosa sta succedendo

Giorgia Bonamoneta

26 Giugno 2022 - 13:34

condividi

La Russia ha sganciato 45 missili su tutto il territorio ucraino, colpendo la capitale Kyiv con almeno 14 razzi. Danneggiato un edificio residenziale, si contano 5 feriti e un morto.

La Russia bombarda Kyiv: cosa sta succedendo

Alle 4:40 del mattino (in Italia le 3:50) suonano le sirene su Kyiv. I russi stanno per lanciare una nuova raffica di missili sulla capitale. La città si risveglia con gli inviti provenienti dai megafoni e dai cellulari a raggiungere, nel più breve tempo possibile, i rifugi. La Russia torna a bombardare la capitale dell’Ucraina a pochi giorni dal vertice Nato che si terrà dal 28 al 30 giugno 2022 a Madrid, in Spagna. Per il sindaco, Vitaly Klitschko, è un atto intimidatorio. Suonano gli allarmi anche a Chernihiv, Mikolaiv, da Donetsk a Zaporizhzhia e Dnipropetrovsk.

Il deputato ucraino Oleksiy Honcharenko, attraverso il canale di riferimento su Telegram, conferma che la Russia ha lanciato almeno 14 missili sulla capitale. Alcuni missili sono stati intercettati dalle difese antiaeree, mentre i restanti sono caduti su un complesso residenziale nel distretto di Shevchenkivskyi. Le operazioni di soccorso hanno estratto vive due persone, madre e figlia, mentre per il padre della piccola non c’è stato nulla da fare.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Telegram ha pubblicato un video nel quale torna a ribadire che “nessun missile russo, nessun attacco può spezzare lo spirito degli ucraini”. La guerra continua e le parole di Zelensky fanno da sfondo a una nuova giornata di scontri nell’ultima roccaforte ucraina nel Donbass.

Bombardamenti su Kyiv: nuovo attacco missilistico russo contro i civili

A quasi 130 giorni dall’inizio del conflitto, tornano a suonare le sirene che precedono un attacco missilistico sulla capitale. Kyiv si sveglia all’alba, verso le 4:40 del mattino, con il suono degli allarmi e le voci che richiedono alla popolazione residente di spostarsi nei rifugi anti missile il prima possibile. Da quel momento cadono sulla capitale ucraina almeno 14 missili che la difesa antiaerea non riesce a intercettare completamente.

Nel mirino finisce anche un complesso residenziale. Sono rimasti feriti almeno 5 persone e, dopo ore di lavoro per estrarre i civili, è stato trovato un morto. Colpita in pieno una famiglia: una donna russa e sua figlia di sette anni, ora ricoverata in gravi condizioni, vengono estratte vive dopo ore di lavoro da parte dei soccorritori, mentre il padre della bambina ha perso la vita.

La notizia è stata confermata da diverse agenzia di stampa, oltre che dal parlamentare ucraino Oleksiy Honcharenko su Telegram.

Attacco russo su tutta l’Ucraina: secondo Klitschko è un messaggio per la Nato

A distanza di poche ore dalle dichiarazioni del politico Andrey Gurulyov sul primo canale della tv russa, dove ha affermato che in caso du una Terza guerra mondiale la prima capitale occidentale ha essere colpita sarà Londra, è arrivata una pioggia di missili su tutto il territorio ucraino. Secondo il presidente ucraino nelle ultime 24 ore sono stati 45 i missili e i razzi che la Russia ha lanciato sulla regione, dei quali 14 solo su Kyiv questa mattina. “Non cambia nulla - ha aggiunto Zelensky nel video pubblicato sul proprio canale Telegram - nessun missile russo, nessun attacco può spezzare lo spirito degli ucraini”.

Secondo il sindaco di Kyiv Vitaly Klitschko il bombardamento russo di questa mattina è da intendere come un atto intimidatorio. Un vero e proprio messaggio destinato ai membri Nato che si riuniranno questo martedì, 28 giugno 2022, in Spagna. Da Mosca giungono le notizie della conquista completa di Severdonetsk e della vicina Borivske, le stesse che Zelensky ha dichiarato di voler riconquistare a breve. Nel frattempo le forze russe e quelle dell’autoproclamata Repubblica di Lugansk sono entrate a Lysychansk, l’ultima roccaforte ucraina nel Donbass.

Argomenti

# Russia
# Guerra