Rendimenti sovrani nel mirino della BCE: cosa aspettarsi?

Violetta Silvestri

23 Febbraio 2021 - 11:32

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Cresce l’attenzione verso i rendimenti sovrani in aumento negli ultimi giorni. La BCE vigila: cosa aspettarsi e cosa ha detto Lagarde?

Rendimenti sovrani nel mirino della BCE: cosa aspettarsi?

La BCE sta osservando da vicino i rendimenti sovrani, parola di Christine Lagarde.

La presidente della Banca Centrale Europea ha detto che a Francoforte si monitora il mercato dei titoli di Stato, lasciando intendere che potrebbero esserci azioni per evitare che l’aumento dei rendimenti metta a repentaglio la ripresa economica dalla pandemia.

Cosa aspettarsi nei prossimi mesi? La BCE interverrà per mitigare i rendimenti delle obbligazioni?

Perché Lagarde osserva i rendimenti sovrani

I rendimenti sono in aumento in tutto il mondo e stanno mettendo scompiglio nei mercati, soprattutto per le prospettive degli asset di rischio.

Gli investitori scommettono che le vaccinazioni consentiranno presto ai Paesi di porre fine alle restrizioni, scatenando potenzialmente la spesa dei consumatori - alimentata anche da stimoli fiscali - che potrebbe aumentare l’inflazione.

Sebbene la tendenza suggerisca ottimismo sulla ripresa, questo nuovo trend potrebbe anche ostacolare il rilancio, aumentando il costo del finanziamento degli enormi oneri del debito pubblico e privato accumulati durante la pandemia.

La BCE si è impegnata a mantenere le condizioni di finanziamento favorevoli fino al termine della crisi. Ora, il focus è sulle obbligazioni. E Christine Lagarde è stata chiara:

“I rendimenti sovrani sono particolarmente importanti. Le banche li usano come riferimento quando fissano il prezzo dei loro prestiti a famiglie e imprese. Di conseguenza, la BCE sta monitorando attentamente l’evoluzione dei rendimenti nominali delle obbligazioni a più lungo termine”

Cosa aspettarsi su obbligazioni e crescita in Europa

Come riportato da Bloomberg, i commenti degli esperti su tale argomento cominciano a intensificarsi e a farsi preoccupati.

I rendimenti a lungo termine più elevati rappresentano un rischio maggiore per la BCE rispetto a una valuta troppo forte secondo alcuni analisti.

Da Erik Nielsen di Unicredit sono giunte queste parole:

“Se i rendimenti sovrani della zona euro continueranno a salire nelle prossime settimane, non lascerà alla BCE altra scelta che intensificare i propri acquisti con il programma di emergenza pandemico per contrastare questo inasprimento indesiderato delle condizioni monetarie.”

E mentre Lagarde ha lanciato l’avvertimento sui rendimenti, la BCE sta gradualmente intensificando i suoi acquisti di obbligazioni.

La scorsa settimana ha acquistato 17,2 miliardi di euro (20,9 miliardi di dollari) nell’ambito del PEPP, il massimo dalla settimana terminata il 15 gennaio.

Il tutto, con l’intento di mantenere le condizioni finanziarie favorevoli alla ripresa, il vero obiettivo della BCE. Per questo, oltre a osservare i rendimenti sovrani, Lagarde ha anche avvisato gli Stati: “le imprese e le famiglie potranno trarre pieno vantaggio dalle condizioni di finanziamento favorevoli solo se verranno adottate misure di politica nazionale per aiutare la politica monetaria a dispiegare il suo pieno potenziale”

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories