Regno Unito, crisi doppia: economica e politica. Che succede?

Violetta Silvestri

6 Luglio 2022 - 10:13

condividi

Terremoto in Regno Unito: due ministri si dimettono, tra i quali il responsabile delle Finanze. Nel pieno di una delle crisi economiche più difficili, Johnson è a rischio. Così come la ripresa.

Regno Unito, crisi doppia: economica e politica. Che succede?

Regno Unito nel caos: Boris Johnson resta debolmente aggrappato al potere dopo che il cancelliere Rishi Sunak e il segretario alla salute Sajid Javid si sono dimessi dal gabinetto del primo ministro britannico a pochi minuti l’uno dall’altro.

Anche un certo numero di giovani membri del Governo ha lasciato, con molti parlamentari conservatori che credono che l’ammutinamento ministeriale possa segnare l’inizio della fine per Johnson.

Una crisi politica che si aggiunge a quella, drammatica, di tipo economico per la nazione. Il premier è immediatamente corso ai ripari. Il segretario all’Istruzione Nadhim Zahawi è stato nominato nuovo cancelliere.

Che succede in Regno Unito e quale impatto sulla ripresa economica, già lenta e ostacolata?

Regno Unito: caos Governo, quale effetto sull’economia?

La leadership di Boris Johnson è appesa a un filo dopo le dimissioni di due dei suoi ministri di più alto profilo e di diversi altri alti funzionari e aiutanti ministeriali nelle ultime 24 ore.

Il ministro delle finanze britannico Rishi Sunak si è dimesso martedì sera, affermando che il Governo dovrebbe essere “gestito in modo corretto, competente e serio”.

La sterlina è scesa a un nuovo minimo di marzo 2020 martedì, a causa dell’instabilità politica. La reazione dei mercati nei prossimi giorni sarà osservata da vicino.

“C’è una paralisi e c’è così tanta incertezza su come andrà a finire esattamente”, ha detto alla CNBC Ben Emons, amministratore delegato di Global Macro Strategy.

La valuta britannica è sotto pressione dalla fine del 2021 e attualmente viene scambiata vicino al livello più debole dall’inizio della pandemia. Per Viraj Patel, macro strategist di Vanda Research, “il GBP non è davvero una valuta che toccheremmo in questo momento”, aggiungendo che avrebbe scommesso rialzista sull’euro e sul franco svizzero rispetto alla sterlina.

L’unico aspetto positivo su cui gli investitori sembrano scommettere è che la crisi porterà a un ammorbidimento della posizione finora dura del ministro delle finanze uscente Rishi Sunak sui negoziati sulla Brexit e sulla spesa fiscale.

“Il nuovo leader vorrà conquistare gli elettori e il partito Tory, quindi forse lungo la linea vediamo sussidi fiscali per l’energia e tagli alle tasse per conquistare i fedeli Tory”, ha affermato Jordan Rochester, uno stratega valutario di Nomura.

In realtà, poco si sa delle opinioni economiche di Zahawi, nuovo Cancelliere dello Scacchiere, sebbene in passato abbia sostenuto tagli alle tasse. Ora prende le redini di un’economia sempre più fragile.

L’OCSE prevede già che la crescita ristagnerà il prossimo anno e resterà indietro rispetto a tutti i membri del Gruppo dei 20 a parte la Russia. Mentre la disoccupazione è la più bassa dagli anni ’70, l’inflazione è al suo massimo in quattro decenni, la fiducia dei consumatori è al peggior livello in almeno mezzo secolo e i lavoratori del settore dei viaggi stanno cercando di ottenere più salari proprio mentre iniziano le vacanze estive.

Il primo ordine del giorno di Zahawi potrebbe essere un discorso congiunto tanto atteso con Johnson che illustra come il governo intende mantenere la sua promessa di correggere la bassa produttività e creare un’economia con salari alti e tasse basse sei anni dopo la Brexit.

La Banca d’Inghilterra, intanto, ha alzato i tassi di interesse cinque volte da dicembre, ma i trader hanno ridimensionato le aspettative di un ulteriore inasprimento quest’anno, per i timori che un aumento del costo dei prestiti danneggerebbe ulteriormente l’economia.

Anche le tensioni sulla Brexit, in particolare la crescente lite sullo status dell’Irlanda del Nord che minaccia di sconvolgere i legami commerciali britannici con l’Unione europea, stanno lasciando segni di nervosismo su sterlina e Paese.

L’indice FTSE 100 ha chiuso martedì al livello più basso dal 24 giugno, ma oggi è in rialzo.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.