Il rally azionario può continuare sino a fine anno? Molto improbabile

Il rally dei mercati azionari non arriverà a fine anno

Il rally azionario può continuare sino a fine anno? Molto improbabile

Se osserviamo i mercati azionari da inizio anno sino al 15 novembre non possiamo che esserne soddisfatti.

Pochi analisti si aspettavano queste performance. Ma ora? È il caso di capitalizzare i profitti e rifugiarsi nella liquidità? Forse sì.

Che succede sui mercati azionari

I maggiori indici azionari hanno messo a segno plusvalenze a dir poco stellari: si va dal +25% del DAX e del CAC al +28% della Borsa Italiana e, oltre oceano, al +33% del Nasdaq e al +30% dell’indice S&P500.

Eppure il ritmo di crescita degli utili su base annuale, osservando le trimestrali della aziende USA e delle aziende europee al 30 settembre 2019, è entrato in territorio negativo. Le aziende, nel loro complesso, guadagnano leggermente meno di quanto guadagnavano alla fine del 3° trimestre 2018. E gli ultimi dati del FMI fanno prevedere un economia mondiale nel 2020 pressoché stagnante (ad eccezione degli Stati Uniti).

Il buon senso ci porta quindi a ritenere che il recente rally si basa unicamente sulle speranze di un miglioramento del clima commerciale USA-Cina e manca del sostegno fondamentale dell’economia reale (=crescita dei profitti). Le valutazioni sono elevate non solo dal punto di vista assoluto, ma anche dal punto di vista relativo (rapporto Prezzo/Utili).

Infatti, se osserviamo la tabella qui sotto elaborata da Bloomberg al 15.11.2019 si può notare che il P/E dei vari listini è giunto a livelli eccessivi rispetto ai livelli di P/E del 1° trimestre 2019. Il DAX viaggia oggi a un multiplo di 24,5 X (era circa 12 X a fine gennaio), mentre l’indice CAC si situa ad un multiplo di 24.7 X (era di 15 X sempre a fine gennaio).

LISTINI AZIONARI MONDIALI

(Performance year-to-date in ultima colonna; tasso di dividendo in penultima colonna; multiplo P/E in quart’ultima colonna; data rilevazione: 15/11/2019; fonte: Bloomberg)

Occhio alle banche centrali

Questi dati, a mio modesto parere, espongono i mercati azionari al rischio di possibili battute d’arresto. L’aumento della valutazione P/E così robusto si basa principalmente sulla politica molto accomodante della FED e della BCE. Non su aspettative di utili folgoranti.

I tassi sono veramente ai minimi storici sulla curva governativa e le banche centrali, inondando di liquidità i mercati finanziari, hanno fatto sì che il tasso di dividendo azionario sorpassasse allegramente il rendimento del decennale tedesco o francese (che ancor oggi giacciono in territorio negativo).

Tutti gli analisti prevedono ora che le banche centrali non modificheranno la propria politica nel prossimo futuro, il che induce a ritenere che questo potrebbe continuare a supportare le valutazioni azionarie.

Tuttavia, sullo sfondo di un rallentamento che si sta profilando negli Stati Uniti e della modesta crescita economica in atto in Europa e, di conseguenza, della continua recessione degli utili, un’ulteriore espansione delle valutazioni diventa sempre più improbabile. Quando i prezzi si discostano dalla capacita reale di produrre utili, è in arrivo uno storno azionario. Salutare, ma fisiologico. Con livelli di supporto identificabili con la media mobile a 200 giorni (Euro STOXX 50 3.420, DAX 12.000, S&P 500 2.890).

Tale battuta d’arresto potrà anche essere significativa e impulsiva, cioè dotata di velocità e volumi consistenti. Ma al termine del movimento correttivo (potrebbe durare anche 3 oppure 4 settimane e avere un’ampiezza del 10% - 12 % dai livelli attuali) si potrebbero di nuovo presentare ottime occasioni d’ acquisto.

Come è stato ad agosto di quest’anno: dopo il rally durato fino a fine Luglio è iniziato un movimento correttivo che è durato 1 mese. Ma chi ha comprato a fine ad agosto (nuovamente) ora porta a casa notevoli dosi di profitto. I bassi tassi di interesse indotti dalle politiche monetarie delle banche centrali infatti, offriranno sempre uno speciale paracadute ai listini azionari, un paracadute che difficilmente si romperà nei mesi futuri.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Mercato azionario

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \