Politica monetaria

La politica monetaria consiste in una serie di azioni compiute da una banca centrale o da una commissione di regolamentazione che determinato la dimensione e il tasso di crescita dell’offerta di moneta, che influisce sui tassi di interesse.

Si implementa la politica monetaria con azioni come la modifica del tassi di interesse, la vendita o l’acquisto di titoli di Stato o modificando l’importo che le banche devono pagare per mantenere la propria liquidità all’interno delle casse della banca centrale.

In linea generale esistono due tipologie di politica monetaria:

  • espansiva,
  • restrittiva.

Una politica monetaria espansiva aumenta l’offerta di moneta al fine di ridurre la disoccupazione, aumentare l’indebitamento del settore privato e la spesa dei consumatori, stimolando così la crescita economica. Spessa definita come «la politica monetaria facilitata», questa descrizione si addice bene a quanto fatto da molte banche centrali dopo la crisi finanziaria del 2008, quanto i tassi di interesse sono stati tagliati drasticamente, in molti casi vicino allo zero.

La politica monetaria restrittiva rallenta il tasso di crescita dell’offerta di moneta o diminuisce l’offerta di moneta al fine di controllare l’inflazione. Anche se a volte è necessaria, la politica monetaria restrittiva può rallentare la crescita economica, aumentare della disoccupazione e deprimere l’indebitamento e la spesa dei consumatori e delle imprese. Un esempio potrebbe essere quello dell’intervento della Federal Reserve, banca centrale degli Stati Uniti, nei primi anni ’80: al fine di contenere l’inflazione vicina al 15%, la Fed ha aumentato il tasso di interesse di riferimento al 20%. Questo aumento ha provocato una recessione, ma ha mantenuto il rialzo dell’inflazione sotto controllo.

Le banche centrali utilizzano una serie di strumenti per modificare la politica monetaria. Le operazioni a mercato aperto influenzano direttamente l’offerta di moneta attraverso l’acquisto di titoli di Stato a breve termine (per espandere l’offerta di moneta) o attraverso la vendita per raggiungere il risultato opposto.

I tassi di interesse di riferimento, come ad esempio il LIBOR e il tasso sui Fed funds, influenzano la domanda di moneta alzando o abbassando il costo dei prestiti - in sostanza, il prezzo del denaro. Quando il prestito è a buon mercato, le imprese creano più debito per investire in assunzioni e espansione, i consumatori possono fare più acquisti a lungo termine con credito a basso costo e risparmiatori hanno più incentivi ad investire i propri soldi in azioni o altri asset, piuttosto che guadagnare molto poco e forse perdere denaro sui conti di risparmio.

Negli ultimi anni, la politica monetaria non convenzionale è diventata più comune. Questa politica comprende il quantitative easing.

Politica monetaria, ultimi articoli su Money.it

Bce, verso una nuova fase sempre più dipendente dal ciclo economico

Durante la conferenza stampa di giovedì scorso il presidente della Bce Mario Draghi ha lasciato aperta ogni opzione di intervento senza fornire indicazioni se queste saranno o meno un nuovo Qe o una nuova Tltro. La politica monetaria della banca centrale dovrà stare al passo con i futuri dati economici

Per Draghi l’euro ci ha salvati

Il presidente della Bce, Draghi, si è espresso sulla politica monetaria europea durante l’inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019 al Sant’Anna di Pisa.

Healthcare e innovazione tecnologica fanno bene al portafoglio

Il 2018 si ricorderà come l’anno in cui tutte le principali asset class sono risultate in territorio negativo. Nell’attuale scenario economico e politico la diversificazione mantiene sempre un ruolo cruciale nel processo di investimento, ma ha bisogno di tempo per funzionare. In ottica di investimento sarà più opportuno privilegiare i settori che beneficeranno dell’espansione demografica e della nuova innovazione tecnologica

Eur/Usd: la situazione tecnica nel giorno della BCE

Il quadro tecnico dell’euro-dollaro denota un certo nervosismo degli operatori. A tal proposito una chiusura odierna al di sopra di 1,1426 fornirebbe indicazioni circa una possibile prosecuzione del rimbalzo

Banche centrali sempre più influenti nel 2019

Lo stato di salute dell’economia degli Usa appare ancora solido, mentre qualche problema potrebbe averlo l’Eurozona, dove la Bce potrebbe trovarsi senza munizioni adeguate a fronteggiare una nuova recessione

|