Tonfo criptovalute: Goldman Sachs ci ha ripensato?

Quotazioni criptovalute in difficoltà a causa di Goldman Sachs e del possibile passo indietro della banca. Niente più trading desk?

Tonfo criptovalute: Goldman Sachs ci ha ripensato?

Le quotazioni delle criptovalute continuano a scambiare in rosso dopo le ingenti perdite messe purtroppo a segno nelle ultime ore di trading.

Ad affossare l’intero comparto ci ha pensato un report secondo cui Goldman Sachs avrebbe abbandonato l’idea di dar vita ad un trading desk riservato al denaro digitale.

Una semplice indiscrezione che tuttavia ha affossato le quotazioni di criptovalute quali Bitcoin, Ethereum e Ripple, solo per citarne qualcuna. I ribassi, però, hanno riguardato l’intero mercato virtuale, con il Bitcoin Cash e il Litecoin a registrare le performance peggiori.

Quotazioni criptovalute giù: passo indietro di Goldman

Nell’ottobre del 2017 Goldman Sachs ha aperto alla possibilità di lanciare una nuova serie di operazioni di trading focalizzate sulle monete virtuali. Un’idea che, secondo il report di Business Insider, sarebbe già naufragata date le persistenti perplessità della banca d’affari sul fronte regolamentazione.

Le indiscrezioni come accennato hanno affossato le quotazioni delle criptovalute più grandi, ma non solo. Anche le monete virtuali meno famose del Bitcoin hanno risentito dell’ipotizzato passo indietro di Goldman Sachs che, ancora secondo il report, potrebbe ora accantonare l’idea del trading desk focalizzandosi su altri servizi digitali.

Un cambio di rotta giunto a neanche un mese dalla chiusura della SEC nei confronti degli ETF sul Bitcoin. Il mercato aveva atteso con ansia una decisione che tuttavia ha deluso le attese ed ha affossato le quotazioni delle maggiori criptovalute in circolazione.

L’andamento del mercato oggi

In meno di 24 ore il prezzo del Bitcoin ha bruciato il 13% ed è scivolato dai $7.391 dollari di ieri a quota $6.408. Non è andata meglio alla quotazione di Ethereum, scesa da circa $283 a circa $225 (-20%).

Anche Ripple si è unita al resto delle sue colleghe criptovalute perdendo il 14% e scivolando da $0,3292 a $0,281 - si noti come al momenti in cui si scrive XRP sia l’unica tra le quotazioni a scambiare in lieve rialzo.

Secondo i dati di CoinMarketCap, la capitalizzazione dell’intero mercato digitale ha perso più del 72% dall’inizio dell’anno ad oggi. Le quotazioni delle criptovalute, intanto, stanno continuando a scambiare in deciso ribasso, con Litecoin, Bitcoin Cash, Stellar e Tronix a registrare le perdite peggiori.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Valute virtuali

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Erasmo Venosi -

Criptovalute e blockchain alla Link University di Roma

Criptovalute e blockchain alla Link University di Roma

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Coinbase, il 20% del suo trading è in operazioni proprie: la rivelazione fa discutere

Coinbase, il 20% del suo trading è in operazioni proprie: la rivelazione fa discutere

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi criptovalute: Ripple si smarca dai minimi di periodo, ma il peggio non è ancora alle spalle

Analisi criptovalute: Ripple si smarca dai minimi di periodo, ma il peggio non è ancora alle spalle

Commenta

Condividi