La previsione di Bill Gates: morti COVID in forte calo entro il 2020

Bill Gates torna a parlare dell’epidemia di coronavirus e la sua dichiarazione appare come una nuova profezia. Secondo il filantropo miliardario anche senza vaccino il tasso di mortalità per il COVID vedrà una drastica riduzione entro il 2020.

La previsione di Bill Gates: morti COVID in forte calo entro il 2020

Bill Gates ha lanciato un messaggio di ottimismo proprio mentre il coronavirus nel mondo è nella sua fase più acuta, con oltre 600.000 morti.

Il filantropo miliardario ha ormai abituato il mondo alle sue riflessioni, più volte rinominate profezie per la loro lungimiranza. Da quando è esplosa la pandemia COVID-19, inoltre, le sue affermazioni si sono moltiplicate, mettendo spesso nel mirino anche il personale interesse alla creazione di un vaccino tramite la sua Fondazione Bill and Melinda Gates.

L’attenzione del fondatore di Microsoft per il settore sanitario non è un segreto, così come ormai sono note le sue donazioni all’OMS e ad altre aziende farmaceutiche.

Il tema coronavirus, quindi, è molto sentito da Bill Gates, che ora ha predetto un forte calo dei morti COVID entro il 2020.

Bill Gates: tasso di mortalità COVID in calo, il motivo

Bill Gates ha lanciato una nuova previsione: i farmaci terapeutici per curare il coronavirus potrebbero ridurre sostanzialmente il tasso di mortalità entro la fine di quest’anno, anche se un vaccino sarà cruciale per riportare la normalità nella società.

Questa l’ultima profezia lanciata durante un’intervista su CNBC. Secondo il miliardario l’ottimismo è legato al fatto che:

“Il beneficio terapeutico si potrà vedere più velocemente dell’effetto benefico delle misure di protezione. Quindi penso che ci siano buone probabilità di ottenere una sostanziale riduzione del tasso di mortalità entro la fine dell’anno con la combinazione di questi nuovi strumenti.”

Secondo il fondatore di Microsoft il farmaco Remdesivir è stato uno dei principali trattamenti utili scoperti dalla ricerca terapeutica. Remdesivir è un antivirale che ha dimostrato di aver ridotto del 62% il rischio di morte per pazienti con Covid-19 gravemente malati rispetto alla sola terapia standard.

Gates ha anche detto che ci sono altri due antivirali in studio da parte degli scienziati che possono essere somministrati per via orale invece di essere iniettati. Un ulteriore passo in avanti per far guarire i malati ed evitare decessi.

La consapevolezza, comunque, è che anche se queste nuove terapie aiuteranno in modo significativo i pazienti affetti da coronavirus che soffrono di sintomi gravi, i farmaci da soli non porteranno la normalità.

Bill Gates ha ricordato che: “Fino a quando non si blocca davvero la trasmissione e si ha un lungo periodo di tempo senza che nessuno entri in ospedale, la preoccupazione resterà”.

Bill Gates punta tutto sul vaccino

Il vero obiettivo di Bill Gates, ma non solo il suo, è di avere al più presto un vaccino contro il coronavirus.

La Fondazione Bill and Melinda Gates ha annunciato a febbraio donazioni di 100 milioni di dollari per la ricerca sui vaccini e gli sforzi terapeutici. A giugno, la fondazione ha impegnato altri 1,6 miliardi di dollari per l’organizzazione Gavi, focalizzata sugli sforzi per immunizzare i bambini nel mezzo della pandemia di coronavirus.

Gates ha dichiarato di essere “entusiasta di tutti i vaccini finanziati dagli Stati Uniti”.

Il miliardario ha anche sottolineato l’importanza di convincere le persone ad avere fiducia sul vaccino e sulla sua somministrazione, quando sarà disponibile:

“È ​​fondamentale che la gente non pensi che ci stiamo affrettando...Speriamo che guarderanno ai fatti e capiranno che dobbiamo proteggerci a vicenda con le mascherine e probabilmente con l’immunità del gregge tramite il vaccino.”

La fiducia di Gates sui farmaci anti-coronavirus e sull’arrivo del vaccino sarà profetica?

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories