Prestazioni erogate dall’INPS: quando non spetta la tredicesima

Pensioni d’invalidità, Reddito di Cittadinanza, indennità di accompagnamento: quando spetta la tredicesima?

Prestazioni erogate dall'INPS: quando non spetta la tredicesima

Sulla maggior parte delle prestazioni assistenziali erogate dall’INPS non spetta la tredicesima mensilità.

Con l’avvicinarsi dell’inverno si torna a parlare di tredicesima mensilità, in arrivo a dicembre per lavoratori e pensionati. Per i primi è il datore di lavoro a farsene carico, per i secondi è l’INPS contestualmente con il cedolino in pagamento a dicembre.

Non sempre, però, spetta la tredicesima sulle prestazioni erogate dall’INPS. Ad esempio, non spetta alcuna mensilità aggiuntiva per chi prende il Reddito di Cittadinanza, come pure per il bonus bebè. In altri casi, però, ci sono prestazioni assistenziali per le quali spetta comunque la tredicesima; vediamo di quali si tratta.

Pensione di Cittadinanza e Ape Sociale: nessuna tredicesima

Come anticipato, la tredicesima viene pagata dall’INPS anche in favore dei pensionati. Tuttavia, va fatta una precisazione: non spetta una mensilità aggiuntiva né per chi prende la Pensione di Cittadinanza né per chi ha usufruito dell’Ape Sociale.

La prima, infatti, non è altro che una prestazione simile al Reddito di Cittadinanza ma con alcune differenze: un sostegno economico riconosciuto ogni mese ma senza alcuna tredicesima. L’APE Sociale, invece, non è una vera e propria pensione, ma è solamente un’indennità sostitutiva della stessa erogata in favore di quelle categorie di lavoratori ai quali è stato consentito di uscire anticipatamente dal mercato del lavoro percependo - negli anni che mancano al raggiungimento della pensione - un assegno sostitutivo finanziato da un prestito erogato da un istituto di credito.

Ebbene, su questa prestazione sostitutiva non viene erogata alcuna tredicesima: questa sarà riconosciuta solamente una volta acquisito il diritto alla pensione.

Pensione di invalidità: spetta la tredicesima

Anche se è a tutti gli effetti una prestazione di tipo assistenziale, in quanto erogata indipendentemente dai contributi versati dall’interessato, spetta la tredicesima mensilità a coloro che percepiscono l’assegno ordinario d’invalidità riconosciuto agli invalidi civili - parziali e totali - come pure a ciechi e sordi che soddisfano determinati requisiti economici.

Sull’assegno ordinario d’invalidità viene riconosciuta quindi la tredicesima, come pure per la pensione di inabilità di tipo previdenziale che spetta a chi oltre ad avere un’invalidità al 100% ha anche maturato almeno 5 anni di contribuzione.

Prestazioni assistenziali INPS: non spetta la tredicesima

Tolta quest’ultima casistica, per le altre prestazioni di tipo assistenziale non viene pagata alcuna tredicesima. È il caso, ad esempio, dell’indennità di accompagnamento riconosciuta agli invalidi, come pure dell’indennità sostitutiva di disoccupazione (Naspi). Come anticipato, non c’è tredicesima sul Reddito di Cittadinanza, come pure sul bonus bebè.

Neppure gli ANF (assegni al nucleo familiare) sono erogati sulla tredicesima mensilità; questa, invece, spetta comunque ai lavoratori in cassa integrazione.

Argomenti:

INPS Tredicesima

Iscriviti alla newsletter

Money Stories