Perché (e dove) investire nell’Italia di Draghi: l’analisi

Violetta Silvestri

18 Febbraio 2021 - 11:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’Italia di Mario Draghi continua a suscitare l’interesse degli investitori. Il Paese è un buy, per asset e obbligazioni: perché? Analisi e previsioni di Morgan Stanley.

Perché (e dove) investire nell'Italia di Draghi: l'analisi

Investire nell’Italia di Mario Draghi è l’opportunità del momento: lo confermano gli analisti di Morgan Stanley.

Dalla banca americana arrivano previsioni di crescente fiducia sul sistema Paese guidato dall’ex banchiere: acquistare asset italiani, dalle azioni ai Btp, viste in rialzo.

Anche lo spread dovrebbe riservare positive sorprese, con potenziale soglia dei 55 punti. Perché e dove investire nell’Italia targata Mario Draghi?

Perché puntare sull’Italia: l’analisi

Clima di crescente fiducia sull’Italia da parte delle investment bank. L’ultimo giudizio ottimistico arriva da Morgan Stanely, che non esita a commentare il Governo Draghi con una visione più che rosea:

“l’autorità, la stabilità e la competenza del nuovo governo rappresentano un fattore positivo importante che aumentano la convinzione di un utilizzo efficace del Recovery Fund... Il potenziale di rialzo si basa sulla possibilità di una maggiore crescita tendenziale italiana e sulla riforma fiscale”

Così scrivono gli strateghi secondo quanto riportato da Milano Finanza.

Incassata l’ampia fiducia del Parlamento (in corso il voto alla Camera, che si preannuncia scontato), l’esecutivo dell’ex banchiere, un mix di tecnici e politici, è considerato solido e piuttosto duraturo, con stime di governo almeno fino a tutto il 2022.

Non sono del tutto svaniti i timori di fibrillazioni politiche, tuttavia al momento prevale un netto giudizio buy sul sistema Paese e sui suoi asset.

Per Morgan Stanely, con Draghi il Recovery Plan ha maggiori possibilità di concretizzarsi in crescita e sviluppo, tanto che i banchieri scommettono su un rilancio ancora maggiore delle stime al 4% nel 2021 e al 5,3% nel 2022.

Nello specifico, ci si aspetta che:

“Draghi si concentrerà sulla riforma fiscale della zona euro, per rendere la valuta più sostenibile. Un governo italiano competente potrà fornire sostegno per la creazione di un sistema di prestiti congiunti, nonché sulla riforma del patto di stabilità e crescita, mentre la credibilità del track record di Draghi e i suoi contatti potranno aiutare a portare la questione in cima all’agenda politica”

Spread e bond italiani: cosa accadrà?

Gli analisti statunitensi avanzano previsioni positive sul fronte obbligazionario, sulla scia di quanto sta accadendo con i Btp italiani in questi giorni.

Lo spread è visto a 85 punti base, ma non è esclusa la soglia dei 55 punti nel secondo semestre.

Da sottolineare, secondo Morgan Stanley, che il rally dei bond italiani è stato sostenuto da acquisti stranieri importanti: il solo Giappone ha comprato 505 miliardi di yen di titoli di Stato dell’Italia a dicembre, segnando un record su investimenti per Paese nel mese.

Un segnale, quest’ultimo, di crescente fiducia.

Su quali azioni italiane investire?

Positiva anche la previsione sull’azionario italiano.

L’effetto Draghi si espanderà anche a Piazza Affari e per Morgan Stanley occorre puntare su almeno 5 titoli: Unicredit, Stellantis, Mediobanca, Enel, Prysmian.

Non solo, un outlook positivo italiano potrebbe far crescere l’interesse degli investitori verso l’intero azionario europeo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories