Pace fiscale, nel DL Rilancio novità per i decaduti da rottamazione e saldo e stralcio

Anna Maria D’Andrea

20/05/2020

13/07/2021 - 13:12

condividi

Pace fiscale, il decreto Rilancio riapre alla possibilità di rateizzazione anche per i decaduti da rottamazione e saldo e stralcio delle cartelle che non hanno pagato le somme dovute. Ecco le novità contenute nel decreto n. 34 del 19 maggio 2020.

Pace fiscale, nel DL Rilancio novità per i decaduti da rottamazione e saldo e stralcio

Pace fiscale, nuova rateizzazione per chi è decaduto da rottamazione e saldo e stralcio delle cartelle: il decreto Rilancio n. 34 del 19 maggio 2020 offre una seconda chance a chi non ha pagato quanto dovuto.

La novità è contenuta nell’articolo 154 del decreto Rilancio, e si affianca alla proroga al 10 dicembre 2020 di tutte le rate previste per l’anno in corso.

Ulteriori dettagli sono ora attesi dall’AdER, che dovrà fornire le istruzioni operative per le nuove rateizzazioni concesse ai decaduti dalla pace fiscale. Si potrà pagare in un massimo di 72 rate per estinguere i debiti per i quali si era fruito della definizione agevolata.

Pace fiscale, nel DL Rilancio una chance per i decaduti da rottamazione e saldo e stralcio cartelle

La novità è nascosta tra le righe ma è molto importante per i tanti che alla data del 31 dicembre 2019 sono decaduti dalla rottamazione o dal saldo e stralcio delle cartelle per non aver pagate le rate dovute.

Il decreto Rilancio deroga ad una delle disposizioni sulla pace fiscale, che prevede il divieto di nuove rateazioni per i debiti per i quali è stata presentata domanda di definizione agevolata, senza tuttavia rispettare i termini di pagamento.

Ai sensi dell’articolo 3, comma 13, lettera a), del decreto-legge n. 119/2018, per chi non paga le rate entro i termini di scadenza è infatti preclusa la possibilità di accedere a nuovi provvedimenti di rateizzazione.

Una regola che viene meno per effetto delle novità del decreto Rilancio, considerando le difficoltà economiche causate dall’emergenza da Covid-19.

Dilazione dei debiti per i decaduti dalla pace fiscale: pagamento in un massimo di 72 rate

Non si potrà più beneficiare dello sconto su sanzioni ed interessi, così come dell’abbuono parziale del debito maturato, ma la possibilità di rateizzazione delle cartelle decadute dalla pace fiscale è sicuramente vantaggiosa per il contribuente.

Ai sensi dell’articolo 19 del DPR n. 602 del 1973, si potrà spalmare il pagamento fino a 72 rate, sulla base dell’importo del debito complessivamente dovuto.

Piano Ordinario - Debiti fino a 60.000 euroPiano Ordinario - Debiti superiori a 60.000 euro
- Per debiti fino a 60 mila euro puoi richiedere la rateizzazione presentando una domanda (on-line oppure tramite gli specifici indirizzi pec riportati nel modello di rateizzazione), senza aggiungere alcuna documentazione, salvo che la Società/Ditta individuale non sia in liquidazione, e dichiarando la temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica. In questo caso, accedi automaticamente al piano ordinario che ti consente di pagare il debito fino a un massimo di 72 rate (6 anni).

- Concorre a determinare la soglia di 60 mila euro, oltre all’importo per cui si richiede la rateizzazione, anche il debito residuo di piani di dilazione già in corso.

- Puoi scegliere tra rate costanti o rate crescenti
Per debiti superiori a 60 mila euro puoi richiedere la rateizzazione presentando una domanda (tramite gli specifici indirizzi pec riportati nel modello di rateizzazione) e allegando la certificazione relativa all’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del tuo nucleo familiare per attestare la temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica.

-Se la richiesta è accolta, accedi e al piano ordinario che ti consente di pagare il debito fino a un massimo di 72 rate (6 anni).

- Concorre a determinare la soglia di 60 mila euro, oltre all’importo per cui si richiede la rateizzazione, anche il debito residuo di piani di dilazione già in corso.

- Puoi scegliere tra rate costanti o rate crescenti

Nel caso di difficoltà economiche, è inoltre possibile accedere ad un piano straordinario, che consente di rateizzare il debito fino a 120 rate mensili, con ulteriore possibilità di proroga per ulteriori 6 o 12 anni nel caso di peggioramento delle condizioni del debitore.

Un ventaglio ampio di possibilità che consentirà anche a chi è decaduto dalla pace fiscale di spalmare l’importo del debito residuo negli anni.

Iscriviti a Money.it