Musk affonda le azioni Twitter: crollo del 7% nel pre-market

Violetta Silvestri

11 Luglio 2022 - 12:17

condividi

La saga Musk-Twitter prosegue, con le azioni del social network in caduta libera negli scambi del pre-market. L’annuncio del miliardario di Tesla di voler abbandonare l’acquisizione è un duro colpo.

Musk affonda le azioni Twitter: crollo del 7% nel pre-market

Le azioni di Twitter sono crollate drasticamente nei primi scambi pre-mercato lunedì, dopo che Elon Musk ha dichiarato che sta seriamente abbandonando la proposta di acquisizione da 44 miliardi di dollari della società.

L’affare sembrava concretizzarsi, ma poi si è palesato il colpo di scena, o colpo basso per il social network. Mentre si prepara il terreno per una furiosa battaglia legale, Twitter affonda in Borsa.

La cronaca racconta che venerdì 8 luglio, l’avvocato di Musk ha notificato al consiglio di Twitter di voler annullare l’accordo. Il miliardario ha contestato il numero di bot e account falsi, affermando che la società non è sincera su quanta attività sulla piattaforma sia autentica.

Il social, d’altra parte, sostiene di aver fornito al capo di Tesla le informazioni di cui ha bisogno. Le azioni Twitter nel frattempo vanno in tilt e perdono ben oltre il 6% nel pre-market.

Twitter precipita dopo l’ultimo colpo di scena di Musk

Le azioni Twitter sono scese del 7,8% a $33,93 nel trading pre-mercato lunedì 11 luglio, sulla buona strada per cancellare $2,2 miliardi di valore di mercato, dopo che Musk ha rinunciato a un accordo per acquistare il gigante dei social media e renderlo privato.

Il titolo è stato scambiato ben al di sotto dell’offerta di $54,20 per azione che il miliardario ha fatto ad aprile. Il padrone di Tesla sostiene che Twitter abbia travisato i dati degli utenti, con il numero di bot spam sulla piattaforma molto più alto di quanto rivelato dalla società. Il titolo è anche diminuito insieme al settore tecnologico a causa dell’aumento dei tassi di interesse.

Intanto, Musk ha risposto lunedì pubblicando un meme che prendeva in giro la gestione di Twitter per l’accordo fallito.

“Hanno detto che non potevo comprare Twitter. Quindi non riveleranno le informazioni sul bot. Ora vogliono costringermi a comprare Twitter in tribunale. Ora devono rivelare le informazioni sui bot in tribunale”, si legge nel meme.

“Non è una grande sorpresa per nessuno che Musk stia cercando di abbandonare l’accordo”, ha affermato Adam Crisafulli, fondatore di Vital Knowledge, come riportato da Bloomberg. “Il problema, tuttavia, è che l’intera saga è stata probabilmente piuttosto dirompente negli ultimi mesi, il che potrebbe pesare sulle prestazioni di Twitter non solo nel secondo trimestre ma anche nel terzo”.

Il presidente di Twitter Bret Taylor ha affermato che la società perseguirà un’azione legale per chiudere la transazione “al prezzo e ai termini concordati dal signor Musk”. A difendere questa posizione ci sono i pesi massimi della legge sulle fusioni Wachtell, Lipton, Rosen & Katz, con lo scopo di intentare una causa all’inizio di questa settimana, secondo indiscrezioni.

Cosa fare con le azioni Twitter?

Con una clausola di scioglimento del contratto di $1 miliardo in gioco, i trader si stanno preparando a un ulteriore caos mentre Twitter porta Musk in tribunale.

Intanto, mentre le azioni del social crollano, Richard Windsor, fondatore della società di ricerca Radio Free Mobile, ha affermato di non essere un azionista di Twitter ma se lo fosse, venderebbe ora.

C’è ancora una disconnessione tra i fondamentali e il prezzo delle azioni, ha detto lunedì Windsor alla CNBC.

“Se osservi dove è andato il settore tecnologico negli ultimi due mesi, potresti mettere la valutazione di Twitter da qualche parte tra $13 [miliardi] e $15 miliardi, che è circa il 50% circa inferiore anche al prezzo delle azioni oggi”, secondo l’analista.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.