Modello 730/2018: detraibili anche le spese per interventi chirurgici

Modello 730/2018: sono detraibili anche le spese per gli interventi chirurgici, compresi quelli in day hospital. Di seguito tutto quello che c’è da sapere.

Modello 730/2018: detraibili anche le spese per interventi chirurgici

Modello 730/2018: tra le spese sanitarie detraibili ci sono anche quelle previste per interventi chirurgici.

Possono essere portati in detrazione fiscale anche gli interventi di piccola chirurgia, che possono essere eseguiti anche soltanto ambulatorialmente da parte di un medico chirurgo, con anestesia locale e senza necessità di alcuna degenza.

Questo permetterà ai contribuenti di poter scaricare dalle tasse una certa percentuale delle spese sostenute nel corso del 2017 per sé o per conto del familiare a carico.

Per le spese per interventi chirurgici, come per la maggior parte delle spese sanitarie, è prevista una detrazione del 19% dall’Irpef.

Vediamo come dovrà essere riportato l’ammontare delle spese sostenute nel 2017 nel modello 730/2018 e quali sono le spese per interventi chirurgici che possono beneficiare della detrazione.

Detrazione spese interventi chirurgici nel modello 730/2018 e Redditi PF

Come abbiamo appena accennato rientrano nelle spese detraibili anche quelle relative agli interventi chirurgici, compresi quelli effettuati in day hospital.

Infatti tali spese potranno essere detratte in sede di dichiarazione dei redditi nella percentuale del 19%, al netto della franchigia di 129,11 euro.

Per procedere alla compilazione della dichiarazione dei redditi bisognerà riportare l’ammontare delle spese sostenute nel 2017 nel rigo E1 del modello 730/2018 e nel rigo RP1 colonna 2 del modello Redditi PF.

Si ricorda ai contribuenti che la scadenza per la presentazione del modello 730/2018 è prevista per il 23 luglio 2018.

Invece nel caso in cui il modello venga presentato tramite il sostituto d’imposta bisognerà inviarlo entro il 7 luglio.

Per ciò che concerne invece la presentazione del modello Redditi PF 2018 la scadenza è fissata al 31 ottobre 2018.

Quali sono le spese detraibili per interventi chirurgici?

Come viene specificato nella guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate tra le spese detraibili per gli interventi chirurgici troviamo:

  • le spese direttamente inerenti l’intervento, quali quelle sostenute per l’anestesia, per l’acquisto del plasma sanguigno o del sangue necessario all’operazione, eccetera;
  • le spese o le rette di degenza e quelle di cura, anche se non connesse a un intervento chirurgico. Nelle rette di degenza detraibili si possono includere anche le differenze di classe, relative, per esempio, alla presenza o meno del bagno in camera. Sono invece da escludere le spese relative a servizi extra (per esempio, le spese di pernottamento di congiunti del malato, gli addebiti per apparecchio telefonico o televisivo installato nella stanza di ricovero, per l’aria condizionata, eccetera);
  • le spese relative al trapianto di organi, comprese quelle necessarie a trasferire -anche dall’estero - l’organo da trapiantare sul luogo dell’intervento. Per essere ammesse alla detrazione, tuttavia, è necessario che le relative fatture siano intestate al contribuente che sostiene le spese e non alla struttura o al medico che esegue l’intervento.

Tra le spese detraibili possono rientrare, a determinate condizioni, anche quelle per l’intervento di metoidioplastica per l’adeguamento dei caratteri sessuali.

Non sono detraibili invece le spese sostenute per il trasporto in ambulanza; possono essere detratte solo le prestazioni di assistenza medica effettuate durante il trasporto.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Detrazioni fiscali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.