Legge 104, acquisto auto disabili con IVA ridotta: quando presentare la certificazione?

Rosaria Imparato

3 Febbraio 2021 - 16:58

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Legge 104, la certificazione può essere presentata anche dopo l’acquisto dell’auto, ma non oltre un anno: in caso contrario, il venditore non potrà emettere una nota di variazione in diminuzione. I dettagli nella risposta all’interpello n. 69 pubblicata dall’Agenzia delle Entrate il 1° febbraio 2021.

Legge 104, acquisto auto disabili con IVA ridotta: quando presentare la certificazione?

Legge 104 e acquisto auto disabili con IVA ridotta: la certificazione quando va presentata?

L’Agenzia delle Entrate fa chiarezza in merito alle tempistiche per l’applicazione dell’agevolazione fiscale con la risposta all’interpello n. 69 del 1° febbraio 2021.

Nel caso specifico, l’istante ha comprato un’automobile senza chiedere i benefici fiscali previsti per i portatori di handicap, perché al momento dell’acquisto non era ancora in possesso della documentazione utile da parte della commissione medica competente.

Una volta ottenuti i documenti necessari, l’istante ha chiesto al rivenditore una nota di credito IVA e il rimborso delle imposte pagate per la trascrizione sui passaggi di proprietà e l’imposta di bollo. Il contribuente chiede quindi all’Agenzia delle Entrate quali sono le tempistiche e se ha diritto a ottenere il rimborso.

Legge 104, acquisto auto disabili con IVA ridotta: quando presentare la certificazione?

L’Agenzia delle Entrate ha risposto al quesito dell’istante con l’interpello n. 69 del 1° febbraio 2021.

Risposta AdE all’interpello n. 69 del 1° febbraio 2021
Acquisto autovettura con aliquota ridotta ed esibizione della documentazione attestante la disabilità in un momento successivo all’acquisto- Articolo26, comma 2 Decreto Presidente Repubblica 26 ottobre 1972 n. 633

L’Amministrazione Finanziaria ripercorre nel documento la normativa di riferimento relativa alle agevolazioni fiscali per disabili. Per quanto riguarda le tempistiche di presentazione della documentazione, l’Agenzia delle Entrate richiama la circolare n. 197/1998, la quale stabilisce che il contribuente può presentare la certificazione comprovante la sua disabilità al rivenditore anche in un momento successivo all’acquisto, così da non perdere le agevolazioni IVA.

Il tempo limite è fissato in un anno: entro tale termine, il contribuente deve esibire la documentazione attestante i requisiti che danno diritto allo sconto per l’acquisto di autovetture per disabili.

A questo punto, il concessionario emette una nota di variazione in diminuzione entro un anno dall’effettuazione dell’operazione imponibile (articolo 26, comma 3, decreto Iva).

Nel caso specifico dell’istante, è passato più di un anno dal momento dell’acquisto del veicolo, quindi il venditore è fuori tempo limite per emettere la nota di variazione in diminuzione. L’istante però, specificano le Entrate, può richiedere il rimborso entro due anni dal versamento o dal verificarsi del presupposto per la restituzione dell’IVA.

Legge 104, acquisto auto disabili: quali documenti servono per l’IVA agevolata?

Per ottenere l’applicazione dell’IVA agevolata, il richiedente deve presentare all’autoconcessionaria la documentazione attestante il diritto all’agevolazione, ovvero:

  • la certificazione relativa alla condizione di disabilità;
  • la dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante che nel quadriennio anteriore alla data di acquisto del veicolo non ha acquistato un analogo veicolo agevolato.

Tale documentazione, come abbiamo visto, ha validità retroattiva: l’Agenzia delle Entrate aveva già approfondito l’argomento nella risposta all’interpello numero 533 del 20 dicembre 2019.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories