Legge 104

La Legge 104 (Legge 5 febbraio 1992, n. 104) è indirizzata a soggetti che presentano una minorazione fisica o psichica, stabilizzata o progressiva, che causa situazioni di svantaggi generate da: difficoltà di apprendimento, di inserimento lavorativo, di relazione etc.

Per ottenere lo stato di portatore di handicap e vedersi riconosciute le prestazioni della Legge n. 104/1992 è necessario sottoporsi ad una visita medica presso l’ASL.

I premessi retribuiti spettano:

  • disabili in situazione di gravità;
  • genitori, anche adottivi o affidatari, di figli disabili in situazione di gravità;
  • coniuge, parenti od affini entro il 2° grado di familiari disabili in situazione di gravità. E’ prevista la possibilità di estensione a parenti od affini di 3° grado qualora i genitori o il coniuge della persona con disabilità grave abbiano compiuto i sessantacinque anni di età oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti (L. 183/2010).

Per approfondire il tema leggi la guida:
Legge 104: come ottenerla, procedura, quali sono i diritti riconosciuti

Per approfondire la differenza tra i concetti di disabilità, handicap e invalidità civile leggi anche:
Invalidità, disabilità ed handicap: quali sono le differenze?

Legge 104, ultimi articoli su Money.it

Diabete, agevolazioni fiscali: a chi spettano e come fare domanda

Pubblicato il 3 luglio 2020 alle 16:56

Quali sono le agevolazioni fiscali per chi soffre di diabete? Non solo l’indennità di accompagnamento, ma anche esenzione ticket e aiuti che rientrano tra i parametri della Legge 104. Ecco a chi spettano e come fare domanda.

Permessi 104 in smart working: si possono chiedere?

Pubblicato il 28 maggio 2020 alle 10:15

Anche chi lavora da casa ha diritto ad ottenere i permessi retribuiti per la 104 per sé stesso o per assistere un parente o il coniuge disabile. Vediamo come usufruirne.

Coronavirus e persone con disabilità: regole da seguire

Pubblicato il 2 aprile 2020 alle 16:46

Come comportarsi con le persone disabili durante il coronavirus: ammesse le passeggiate e le visite domiciliari, solo se necessarie e con autocertificazione. Qui i chiarimenti del Viminale.

|