Le sanzioni alla Russia non stanno funzionando, ma stanno arricchendo gli USA

Enrica Perucchietti

03/03/2023

03/03/2023 - 08:07

condividi

Le sanzioni occidentali hanno accresciuto i conti delle compagnie petrolifere americane. Le spedizioni mensili di greggio statunitense verso l’Europa sono aumentate del 38%. E l’economia russa regge.

Le sanzioni alla Russia non stanno funzionando, ma stanno arricchendo gli USA

«Lavoriamo con i nostri partner per avere un insieme coordinato di sanzioni: il nostro obiettivo fin dall’inizio è stato quello di imporre il massimo danno alla Russia mentre, al meglio delle nostre capacità, proteggiamo gli Stati Uniti e i nostri partner da un danno economico indebito».

Correva l’aprile 2022 e la segretaria al Tesoro statunitense, Janet Yellen, durante la sua testimonianza davanti alla commissione dei Servizi finanziari della Camera americana, prevedeva di infliggere un duro danno al Cremlino attraverso un sistema di sanzioni imposte dai partner europei.

Solo due mesi prima, la Yellen era stata più cauta e aveva ammesso che le sanzioni contro la Russia, in caso di invasione dell’Ucraina, avrebbero avuto delle «ripercussioni mondiali». E così è stato. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.