La Bce non può salvare l’euro: un’analisi

Violetta Silvestri

24/08/2022

24/08/2022 - 14:06

condividi

Un intervento aggressivo della Bce sui tassi può sollevare le sorti della moneta unica, crollata sotto la parità con il dollaro? Secondo gli analisti non sarà Lagarde a salvare l’euro.

La Bce non può salvare l'euro: un'analisi

L’EUR/USD si mantiene sotto la parità e scambia intorno a 0,9950, con i flussi verso gli asset di rischio in diminuzione che offrono supporto al dollaro Usa, valuta rifugio.

Inoltre, la crisi energetica tedesca ha messo in crisi i rialzisti della moneta unica, paventando un periodo ancora debole per l’euro.

Mentre la valuta comunitaria langue, secondo alcuni analisti c’è poca speranza che anche un forte aumento dei tassi di interesse possa salvarla e riportarla in rally. La Bce può salvare l’euro?

La Bce può rafforzare l’euro? Le previsioni degli esperti

Piuttosto che la politica monetaria, sono le minacce interconnesse di una recessione e un taglio energetico russo che stanno appesantendo la valuta comune: questa è l’analisti di alcuni strateghi.

Le dinamiche geopolitiche, economiche ed energetiche in corso sono difficili da contrastare per la Banca centrale europea, anche se decidesse di intervenire sugli oneri finanziari con aggressività, come ha fatto di recente la Federal Reserve.

Di fronte all’inflazione più rapida dall’introduzione dell’euro, il mese scorso l’Eurotower ha aumentato i tassi per la prima volta in più di un decennio.

Mentre gli investitori si aspettano un’altra mossa di quelle dimensioni l’8 settembre, nubi cupe stanno convergendo sull’economia a 19 nazioni della zona euro, mentre la crisi del costo della vita e l’invasione russa dell’Ucraina comprimono famiglie e aziende.

“I tassi non hanno guidato i mercati del Forex, in particolare nell’ultimo mese”, ha affermato Sam Zief, responsabile della strategia FX globale presso JPMorgan Private Bank. “I forti aumenti dei tassi non supportano la valuta quando vengono fatti per mantenere ancorate le aspettative di inflazione e allo stesso tempo danneggiano le prospettive di crescita.”

I sondaggi aziendali pubblicati martedì da S&P Global hanno mostrato una contrazione dell’attività per il secondo mese, con il rimbalzo della pandemia in aree come il turismo che si è quasi fermato. Nel frattempo l’euro debole, che questa settimana ha toccato un minimo di due decenni rispetto al dollaro, sta rafforzando l’inflazione rendendo le importazioni più costose, soprattutto quelle energetiche cruciali.

“Scegliere 75 punti base su 50 non cambierebbe molto. È necessario un minimo di una prospettiva economica positiva per influenzare in modo significativo il tasso di cambio con i soli movimenti dei tassi di interesse”, ha affermato Dirk Schumacher, economista presso Natixis a Francoforte.

Alla domanda se un aumento più ampio avrebbe senso nel contesto del calo dell’euro, Joerg Kraemer, capo economista di Commerzbank AG, ha dichiarato che un tale passo sarebbe probabilmente una buona idea date le prospettive di inflazione. Sebbene non escluda tale risultato, ha affermato di “non credere che la Bce lo farà”.

“La Bce farà un aumento di mezzo punto a settembre - di più sarebbe una grande sorpresa e in realtà un errore...Il tasso di cambio riflette in larga misura i problemi che la zona euro sta affrontando in questo momento. Non è qualcosa che la Bce deve inseguire”, ha sottolineato Marco Valli, capo economista europeo di UniCredit.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.