Automotive: con il Twin-Win si guadagna anche in caso di performance negativa

Per provare a scommettere sulla ripresa del comparto auto, Leonteq mette a disposizione degli investitori un Certificato Twin Win. Come evidente dal nome, si tratta di un prodotto che consente una “doppia vincita”.

I dati intraday e in tempo reale del Grafico VOW sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Duramente colpito dalla crisi sanitaria, l’automotive rientra tra quei settori che presentano notevoli capacità di ripresa. Nonostante il Covid-19 abbia portato consumatori ed aziende a rinviare l’acquisto di nuovi veicoli, e questo produrrà per il comparto un rosso a due cifre nel 2020, le case automobilistiche, anche nei momenti più bui della crisi, hanno mostrato una resilienza che ha stupito in positivo gli operatori.

“Il secondo trimestre dell’industria europea alla prova dei fatti è stato meno disastroso di quanto atteso”, ha rilevato Werner Stäblein, analista di Scope Ratings. “Mentre il fatturato è stato messo a dura prova, i produttori di auto sono stati in grado di contenere le perdite operative”.

In particolare, i colossi del settore hanno beneficiato dei piani per la protezione dell’occupazione messi in campo dai governi e, in tempi decisamente rapidi, hanno ridotto le spese in conto capitale e fatto ricorso ai mercati obbligazionari (o, come nel caso della francese Renault, hanno ottenuto linee di credito garantite dallo Stato).

Per quanto riguarda la seconda metà dell’anno, continua Stäblein, “ci attendiamo un parziale rimbalzo delle vendite in Europa visto che i consumatori vorranno approfittare degli incentivi -come la temporanea riduzione dell’Iva in Germania- per acquistare una nuova auto”.

La capacità di ripresa del comparto è stata evidenziata dai dati relativi l’andamento della produzione industriale tedesca che, a fronte di un +1,2% mensile messo a segno a luglio dal dato complessivo, ha visto la componente legata all’automotive salire di ben 7 punti percentuali.

Un Certificate per puntare su tre colossi dell’automotive

Per ottenere un’esposizione al settore auto, Leonteq mette a disposizione degli investitori un Twin Win Autocallable Certificate con sottostanti i titoli Ford, Renault, Volkswagen con codice ISIN CH0562308509.

Anche se rispetto ai minimi registrati a marzo le azioni Ford Motor hanno recuperato oltre 40 punti percentuali, c’è ancora margine di guadagno in vista del ritorno sui livelli pre-Covid. Attualmente in quota 7 dollari, le azioni del colosso con sede a Dearborn, in Michigan, attualmente si trovano a battagliare con la media mobile a 200 periodi.

Nel caso l’attacco alla MM200 non dovesse avere successo, supporti per le azioni Ford sono visibili a 6,11 dollari e in corrispondenza della linea ottenuta unendo i lows di marzo con quelli fatti segnare ad aprile e maggio. Al rialzo invece riflettori puntati sulla trendline ottenuta con i massimi del 24 marzo e del 22 maggio, alla resistenza dei 7,68 dollari e con quella di lunghissimo periodo scaturente dai top del 2014 e del 2015.


Ford Motor, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Anche nel caso delle azioni Renault le quotazioni si trovano a fare i conti con la resistenza rappresentata dalla media mobile, attualmente passante a 26,5 euro. Prima però le azioni RNO si troveranno a fronteggiare la linea di tendenza ottenuta unendo i massimi del 17 giugno e del 6 luglio.

Se la MM dovesse essere superata, focus su quota 28,1 euro. Al ribasso, a sostenere l’attuale trend c’è la linea ottenuta congiungendo i lows registrati da Renault nella seconda metà di giugno.


Renault, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Il terzo titolo presente nel Twin Win Autocallable Certificate di Leonteq è Volkswagen. Dopo il superamento delle resistenze fissate a 150 ed a 157,80 euro, il quadro grafico del titolo della casa tedesca è improntato all’ottimismo.

Posizionate all’interno di un canale rialzista delimitato da un lato dalla trendline che unisce il minimo del 31 luglio con quelli di inizio settembre e dall’altro dai top del 5 e del 18 agosto, le quotazioni della casa teutonica non dovrebbero incontrare particolari ostacoli prima di tornare sui top di febbraio in quota 175 euro.


Volkswagen, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Twin-Win: rendimenti positivi anche con il segno meno

In negoziazione su EuroTLX dallo scorso 4 settembre, il Certificate con ISIN CH0562308509 ha una durata di 3 anni e permette di ricevere cedole trimestrali (il primo giorno di rilevazione è fissato per il 1° dicembre 2020) nel caso in cui il livello di chiusura di tutti i sottostanti sia superiore al rispettivo livello di attivazione della cedola.

Per tutti e tre i titoli sottostanti, il livello di attivazione della cedola è fissato al 60% del valore iniziale (4,1 dollari per Ford Motor, 13,665 euro per Renault e 84,06 euro nel caso di Volkswagen).


Fonte: Leonteq

Un aspetto particolarmente interessante è rappresentato dall’Effetto Memoria, che prevede la possibilità, in caso di mancata corresponsione di una o più cedole, di ottenere i premi non riscossi al verificarsi della condizione di pagamento.

Inoltre, il Certficate con sottostanti Ford, Renault, Volkswagen emesso da Leonteq prevede anche la c.d. clausola “autocallable” che, in occasione delle date di rilevazione trimestrali, offre la possibilità all’investitore di ottenere il rimborso anticipato nel caso in cui il valore dei titoli sottostanti sia maggiore del valore iniziale. Nel caso di rimborso anticipato, l’investitore riceve i 1.000 euro del prezzo di sottoscrizione più l’eventuale Importo della cedola condizionale.

Prevista anche l’opzione “Quanto”, la clausola che protegge l’investitore dal rischio di cambio, nel caso in cui un sottostante (Ford Motor, in questo caso) è quotato in valuta diversa dall’euro.

Doppia vincita con il Twin Win

Come detto, si tratta di un certificato “Twin Win”, letteralmente “doppia vincita”. Si tratta di un particolare certificato che consente all’investitore di ricevere un premio anche nel caso di performance negativa di uno dei sottostanti.

Nel caso in cui il valore di nessuno dei tre sottostanti dovesse oltrepassare, o risultare pari, al livello barriera (pari al 60% dei rispettivi livelli iniziali, vedi la tabella precedente), l’investitore si troverà di fronte a due opzioni:

  • se il rendimento dell’azione sottostante che ha fatto registrare la performance peggiore dovesse risultare negativo (o pari a zero), l’investitore riceverà un importo pari al prezzo di emissione moltiplicato per la differenza tra 2 e il rendimento peggiore [prezzo di emissione × (200% - performance peggiore)];
  • se il rendimento del sottostante con il rendimento peggiore dovesse risultare positivo, l’investitore riceverà un importo pari al prezzo di emissione moltiplicato per la performance il rendimento peggiore.

Nel caso in l’Evento Barriera dovesse verificarsi, l’investitore riceverà l’importo ottenuto moltiplicando il prezzo di emissione per la performance peggiore.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories