L’inflazione Usa è in calo, diminuirà anche in Europa?

Violetta Silvestri

10 Novembre 2022 - 15:28

condividi

I nuovi dati dell’inflazione Usa mostrano che i prezzi si stanno raffreddando. Succederà anche in Europa? Quanto durerà ancora l’impennata inflazionistica e cosa faranno le banche centrali.

L'inflazione Usa è in calo, diminuirà anche in Europa?

L’inflazione Usa è aumentata meno del previsto nei dati pubblicati giovedì, ma il ritmo di crescita dei prezzi rimane abbastanza elevato da mantenere la Federal Reserve sulla buona strada per effettuare ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

Il dato era molto atteso e ora i riflettori si accendono sull’Europa: il picco inflazionistico sta arrivando anche nel vecchio continente?

I numeri Usa hanno mostrato che i prezzi al consumo a ottobre sono saliti dello 0,4% meno delle previsioni degli economisti e in linea con il periodo precedente. Il ritmo annuale è rallentato al 7,7%, in calo dall’8,2%. Questo è il più piccolo aumento di 12 mesi da gennaio.

Una volta eliminati elementi come cibo ed energia, l’IPC «core» è stato in rialzo dello 0,3%, al di sotto del ritmo dello 0,6% registrato a settembre. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, è in aumento del 6,3%.

Il raffreddamento dell’inflazione Usa è davvero una buona notizia? E cosa accadrà ai prezzi in Europa?

Inflazione Usa si raffredda: è davvero una buona notizia?

I segnali che l’inflazione si stia raffreddando ci sono nei dati Usa.

I prezzi del gas sono scesi di circa $0,10 nell’ultimo mese. I numeri mostrano che sia i prezzi delle case che gli affitti sono in calo e quelli delle auto usate sono diminuiti dopo aver raggiunto massimi significativi all’inizio di quest’anno.

Tuttavia, il tasso di inflazione rimane molto al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed, il che significa che è probabile che le azioni aggressive della banca centrale continuino.

Il punto è che “l’indice dei prezzi mensile ricorda regolarmente che l’inflazione sta superando quella che altrimenti sarebbe una crescita piuttosto robusta del reddito familiare, confermando ulteriormente l’umore finanziario nervoso dei consumatori americani ha affermato McBride, analista finanziario capo di Bankrate.

Ha aggiunto: “Nonostante una mezza dozzina di aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve, qualsiasi allentamento ampio, significativo e prolungato delle pressioni inflazionistiche rimane sfuggente.”

La buona notizia del calo dell’inflazione Usa, quindi, non si tradurrà in un repentino cambio di passo della banca centrale e i rischi recessione restano sul tavolo.

I prezzi in Europa sono vicini al picco?

Il focus si sposta ora in Europa, dove i prezzi al consumo viaggiano con aumenti a doppia cifra.

Il picco dell’inflazione è “quasi a portata di mano” nella zona euro, ha detto giovedì alla CNBC un membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea.

L’Eurozona sta combattendo contro l’aumento dell’inflazione da circa un anno, con l’invasione russa dell’Ucraina che ha accentuato le pressioni sui prezzi, ora al massimo storico del 10,7% nella rilevazione del mese scorso.

“Il fatto che gli Stati Uniti e la Germania menzionino la parola ‘pace’, non che accada domani, ma il fatto che gli investitori sentano quella parola è di per sé un evento positivo”, ha dichiarato il governatore della banca centrale di Malta, alto funzionario della Bce, riferendosi alla Russia- Guerra in Ucraina, che potrebbe essere una possibile ragione per raffreddare l’aumento dei prezzi.

Secondo quanto riferito, i funzionari statunitensi hanno esortato l’Ucraina a dimostrare di essere aperta a una risoluzione diplomatica sul conflitto. All’inizio di questa settimana, il presidente Zelenskyy ha delineato cinque condizioni per i negoziati di pace con la Russia.

Qualsiasi fine al conflitto, iniziato quando la Russia ha invaso il 24 febbraio, aiuterebbe con le forniture alimentari e i prezzi, ad esempio. Inoltre, i prezzi dell’energia negli ultimi mesi sono rimasti alquanto stabili e lontani dai massimi storici di agosto. L’aumento dei costi dell’energia, da ricordare, è stato il principale motore della corsa dell’inflazione nella zona euro.

Indizi pieni di speranza, ma assai incerti per poter parlare di un prossimo calo dei prezzi in Eurozona. Proprio oggi, nel bollettino economico, la Bce ha ribadito rischi al rialzo per l’inflazione nella regione.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.