Inflazione, prezzi dell’energia in calo in Europa: la più grande sconfitta di Vladimir Putin

Lorenzo Bagnato

9 Gennaio 2023 - 12:35

condividi

La politica della Russia di minacciare l’Europa con gas e petrolio è fallita clamorosamente, poiché sia l’inflazione che i prezzi dell’energia hanno iniziato a scendere.

Inflazione, prezzi dell'energia in calo in Europa: la più grande sconfitta di Vladimir Putin

Il peggio potrebbe finalmente essere passato, dato che i tassi di inflazione per dicembre arrivano e ci mostrano un quadro migliore del previsto. L’Europa, che ha sopportato il peso maggiore della crisi energetica causata dalla guerra in Ucraina, sta finalmente abbassando i prezzi al consumo.

Germania, Francia e Italia hanno pubblicato le loro statistiche sull’inflazione per dicembre 2022, mostrando una zona euro e un’UE più forti. Rispettivamente, l’inflazione è diminuita dell’1,4% in Germania e in Francia, mentre solo dello 0,2% in Italia. Anche la Spagna ha visto un forte calo dell’inflazione dell’1%: questi dati sono migliori del previsto.

L’Italia rimane il Paese con l’inflazione più alta tra tutti e tre, attestandosi all’11,6%. Secondo l’Istituto nazionale di statistica italiano, metà dell’inflazione del 2022 è dovuta ai prezzi dell’energia, che sono aumentati del 4,1% su base annua.

Ma un inverno più caldo del previsto e la speranza di incanalare più gas dal Medio Oriente e dall’Africa stanno allentando le pressioni sull’Italia. In effetti, i prezzi dell’energia stanno diminuendo in tutto il continente europeo, segnalando il fallimento della strategia di Vladimir Putin.

Da agosto, i prezzi del gas in Europa sono scesi del 79% e, grazie alle temperature più calde, i depositi sono ancora pieni. L’anno scorso a gennaio, gli stoccaggi di gas europei erano scesi al 52% della capacità, mentre ora sono all’84%.

La grande sconfitta della Russia

Ad agosto, tutti in Europa sono stati presi dal panico per l’aumento dei prezzi dell’energia. Putin e i suoi alleati stavano apparentemente vincendo: l’UE avrebbe ritirato il sostegno all’Ucraina temendo un inverno freddo e rigido.

Invece, l’Europa è rimasta ferma e ha aumentato gli aiuti economici e militari all’Ucraina. La Russia ha ufficialmente chiuso i rubinetti di gas e petrolio, ma l’Europa ha solo risposto implementando un price cap. Nonostante le numerose sfide che hanno quasi fatto a pezzi l’Unione Europea, alla fine hanno avuto la meglio.

Ora i prezzi dell’energia sono ai livelli prebellici, ma la Russia non ha lo stesso flusso di entrate di una volta. Poiché anche le loro riserve estere vengono congelate, e la guerra in Ucraina si è arrestata bruscamente, Putin sta esaurendo le opzioni.

Ciò di cui Putin ha bisogno ora è una vittoria veramente radicale e rapida, prima che smetta di avere i mezzi per pagare questa invasione illegale. Probabilmente cercherà di ottenere tale vittoriaattraverso un altro attacco frontale contro la capitale ucraina: Kiev.

Se l’intelligence occidentale ha ragione, la Russia lancerà questa nuova offensiva intorno a marzo 2023. Sembrerà l’attacco dell’anno scorso, con una mossa a tenaglia dalla Bielorussia per circondare la città.

Dovrà, tuttavia, affrontare un esercito ucraino molto meglio addestrato ed equipaggiato rispetto allo scorso anno. Se l’attacco fallisce, la guerra potrebbe trascinarsi in uno stallo per mesi o addirittura anni, mentre l’economia russa crolla.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-05 14:32:42. Titolo originale: Inflation, Energy Prices easing down in Europe: Vladimir Putin’s biggest defeat

Argomenti

# Russia
# Guerra

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it