L’impennata dell’inflazione e l’effetto sul debito a rendimento negativo

Violetta Silvestri

16 Aprile 2022 - 15:49

condividi

Le obbligazioni a rendimento negativo stanno diminuendo con la spinta da falco delle banche centrali a causa dell’effetto inflazione: cosa significa per gli investitori?

L'impennata dell'inflazione e l'effetto sul debito a rendimento negativo

Il balzo record dell’inflazione a livello globale ha avuto un impatto sul debito a rendimento negativo, riducendolo di 11 trilioni di dollari.

Con le banche centrali che stanno accelerando le mosse da falco per porre fine agli acquisti di attività su larga scala e aumentare i tassi di interesse, l’impatto su quanto rendono le obbligazioni sovrane si sta concretizzando.

L’era del debito a rendimento negativo sembra essere al capolinea come evidenzia una’analisi del Financial Times, tanto che è diminuito il valore globale delle obbligazioni con rendimenti inferiori allo zero.

Cosa significa per gli investitori?

Il rendimento negativo delle obbligazioni volge al termine?

I prezzi delle obbligazioni sono crollati quest’anno, quando le banche centrali si sono mosse per porre fine agli acquisti di attività su larga scala e aumentare i tassi di interesse nella loro battaglia contro l’aumento dell’inflazione, spingendo i rendimenti in molte grandi economie ai livelli più alti degli ultimi anni.

Di conseguenza, le obbligazioni che attualmente vengono scambiate con un rendimento inferiore a zero, valgono $2,7 trilioni la cifra più bassa dal 2015, con un forte calo da oltre $ 14 trilioni a metà dicembre, secondo l’indice globale Bloomberg delle obbligazioni aggregate, un indicatore ampio del mercato a reddito fisso.

Cancellare completamente i rendimenti negativi segnerebbe un ritorno alla normalità per la maggior parte degli investitori.

Come sottolinea l’analisi di FT, i rendimenti negativi una volta erano considerati inconcepibili, poi come una novità e poi come una caratteristica consolidata dei mercati globali. Significano che i prezzi del debito sono così alti e i pagamenti degli interessi così bassi che gli investitori perderanno sicuramente denaro se mantengono le loro obbligazioni fino alla scadenza. Riflettono la convinzione che le banche centrali manterrebbero i tassi di interesse al minimo e negli ultimi anni si sono radicate in grandi quantità di debito in Giappone e nella zona euro.

L’Eurozona è stata il grande motore della riduzione del debito scambiato a rendimenti inferiori allo zero. A dicembre, il blocco valutario rappresentava oltre 7 trilioni di dollari di tali obbligazioni, compresi tutti i titoli di Stato tedeschi. Quella cifra è scesa a soli $ 400 miliardi.

È probabile che i rendimenti negativi si moltiplichino nuovamente nella regione, a meno che la Bve non realizzi i rialzi dei tassi di interesse già scontati dai mercati. La banca centrale lotterà per alzare molto i tassi dall’attuale livello di meno 0,5%, data la minaccia alla ripresa rappresentata dall’invasione russa dell’Ucraina e dal conseguente aumento dei prezzi dell’energia.

Il Giappone, dove la banca centrale ha finora resistito allo spostamento globale verso una politica monetaria più restrittiva, rappresenta ora oltre l’80% delle obbligazioni mondiali a rendimento negativo.

Meno rendimenti negativi: cosa significa per gli investitori?

Secondo Riddell, la fine dei rendimenti estremamente bassi o negativi è una «spada a doppio taglio» per gli investitori obbligazionari.

Da un lato le persone stanno subendo perdite sui titoli che detengono. Ma il rovescio della medaglia è che tassi privi di rischio positivi significano che i rendimenti futuri sembrano probabilmente migliori. Ha aggiunto che sarebbe una «buona notizia» per investitori come i fondi pensione che devono detenere grandi quantità di attività sicure come i titoli di stato, ma devono anche guadagnare rendimenti sufficienti per soddisfare i pagamenti futuri.

Lo stock in diminuzione del debito a rendimento negativo riflette anche alti livelli di inflazione, che ha spinto gli investitori a chiedere un maggiore compenso per l’aumento dei prezzi, secondo Salman Ahmed, Global Head of Macro di Fidelity International.

“Sì, i rendimenti nominali stanno salendo, ma gli investitori a lungo termine dovrebbero davvero preoccuparsi dei rendimenti reali. È ciò che resta dopo l’inflazione, che è molto alta in questo momento”, ha affermato.

Iscriviti a Money.it