iOS 15: uscita, novità, iPhone compatibili e come sarà

Matteo Novelli

9 Aprile 2021 - 12:11

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quando esce iOS 15 e come sarà: ecco le novità, gli iPhone compatibili e la data d’uscita del nuovo aggiornamento Apple. Cosa aspettarsi?

iOS 15: uscita, novità, iPhone compatibili e come sarà

Quando esce iOS 15: il nuovo aggiornamento Apple per iPhone è in arrivo e le novità e le indiscrezioni su come sarà, e su quali saranno i modelli compatibili, si rincorrono fino alla WWDC 2021, l’evento che presenterà iOS 15 a tutta la community Apple. Ma quali sono le caratteristiche e le novità principali del nuovo aggiornamento? Cosa possiamo aspettarci?

Senza dubbio iOS 15 dovrà andare a perfezionare alcune novità introdotte da iOS 14 che ha in qualche modo modificato profondamente il sistema operativo Apple: i widget e tante altre funzionalità hanno avvicinato sempre più il sistema operativo di Apple per iPhone e iPad (dove prende il nome di iPadOS) ad Android, pur personalizzandolo nello stile che gli utenti della mela hanno imparato ad apprezzare nel corso degli anni.

Quali sono le novità principali che vedremo in iOS 15? Ecco la panoramica completa su cosa aspettarsi dal prossimo major update.

Quando esce iOS 15: data d’uscita

La timeline d’uscita di ogni nuovo aggiornamento iOS è solitamente precisa e perfettamente allineata a quanto applicato da Cupertino nel corso degli anni. In genere ogni nuovo major update di iOS arriva in conteporanea all’uscita e alla release dei nuovi iPhone. È semplice presumere quindi che l’uscita di iOS 15 si accompagnerà a quella di iPhone 13. Ma c’è un fattore da tenere in considerazione.

Nel 2020 infatti Apple ha fatto slittare l’uscita di iPhone 12 a causa dei problemi e rallentamenti produttivi derivati dalla pandemia: se prendiamo in questione quanto applicato lo scorso anno, vediamo come Apple ha comunque rilasciato iOS 14 a settembre e non a ottobre e novembre (quando sono usciti i quattro nuovi modelli).

Prendendo per buono questo, possiamo facilmente collocare l’uscita di iOS 15 per settembre 2021 con l’update disponibili per tutti gli utenti (a cui in genere precede una versione per sviluppatori solitamente collocata per metà estate). Il primo debutto ufficiale di iOS 15 è previsto per la WWDC (Worldwide Developers Conference) fissata dal 7 all’11 giugno 2021.

In tale data è facile aspettarsi anche l’uscita della versione beta per sviluppatori.

iOS 15: iPhone compatibili, quale modelli possono aggiornare?

Molti gli interrogativi su iOS 15 e su quella che sarà la compatibilità con i modelli di iPhone attualmente in circolazione, in particolare i più datati.

Il nuovo iOS 15 potrebbe non girare bene sugli iPhone più vecchi e questo potrebbe portare ad escludere dall’aggiornamento alcuni modelli ancora in uso e diffusi tra gli utenti. Se iOS risulta ancora compatibile con modelli ormai di cinque anni fa come iPhone 6s e iPhone SE il nuovo aggiornamento potrebbe andare a escludere proprio questi modelli. Il processore A9, che ha un’anima dual core, potrebbe non essere sufficiente per alimentare le prestazioni necessarie a iOS 15.

Secondo i recenti rumor, iOS 15 dovrebbe essere compatibile con i seguenti modelli:

  • iPhone 7 e iPhone 7 Plus
  • iPhone 8 e iPhone 8 Plus
  • iPhone X
  • iPhone XS e iPhone XS Max
  • iPhone XR
  • iPhone 11, iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max
  • iPhone SE (2020)
  • iPhone 12 mini, iPhone 12, iPhone 12 Pro e iPhone Pro Max
  • iPhone 13 (modelli ancora da rivelare).

In pensione definitivamente iPhone 6s e i precedenti modelli di iPhone SE.

iOS 15: novità, caratteristiche, funzioni, cosa cambia?

Partiamo prima di tutto dall’aspetto visivo: iOS 15 potrebbe portare un cambiamento grafico nelle icone delle app che ormai ci accompagnano da diversi anni.

Qualche indizio ci arriva da iOS 14.5 e da due icone relative a Apple Music for Artists e App Store Connect che riportano un cambio di layout grafico abbastanza significativo optando per un look ancora più minimal e sobrio rispetto al passato.

Come possiamo ammirare da queste icone in anteprima lo stile appare meno flat, con un look più minimal e che scava sul simbolo dell’icona con uno stile che ricorda da vicino quando adottato da macOS Big Sur.

Passando alle novità più tecniche gli elementi svelati in anteprima forniscono abbastanza dettagli su cosa aspettarsi nel concreto da iOS 15.

Il primo elemento riguarda le app predefinite che potebbero fornire la possibilità agli utenti di scegliere le app preferite da utilizzare di default al posto di quelle “imposte” da Apple come Mail, browser, calendario, messaggistica e molto altro.

Anche i widget, dopo qualche titubanza iniziale, potrebbero godere di un’evoluzione portando i banner e le icone personalizzate anche nella schermata di blocco (in modo da consultare rapidamente informazioni senza sbloccare iPhone). Questa funzione potrebbe sposarsi bene con le voci che vedono iPhone 13 dotato di schermo always On. Potrebbero essere anche allargate le opzioni con funzionalità più interattive che vadano oltre l’informazione secca e di solo lettura.

La crescente importanza delle videochiamate dovrebbe condurre a un progressivo miglioramento di FaceTime, l’app per effettuare videochiamate tra device Apple. Attesa per questa app la possibilità di condividere lo schermo durante una videochiamata, opzione a oggi ancora assente e che potrebbe tornare utile in ambito professionale.

Miglioramenti attesi anche per Siri che nel corso degli anni è stata messa in sordina dall’avanzare di Google Assistant e Alexa. L’assistene Apple deve inesorabilmente crescere e optare per nuove forme di interazioni.

Argomenti

# iPhone
# Apple

Iscriviti alla newsletter