Green pass per matrimonio: come ottenerlo

Isabella Policarpio

14/07/2021

14/07/2021 - 14:38

condividi

Come e chi deve avere il green pass per partecipare ad un matrimonio: una guida su come ottenerlo (cartaceo o digitale) e quando.

Green pass per matrimonio: come ottenerlo

Quest’anno per partecipare ai matrimoni, oltre al consueto abito elegante, serve portare con sé il green pass, ovvero il certificato (cartaceo o digitale) nel quale dichiarare il proprio stato di salute, la somministrazione del vaccino contro il Covid-19 o l’esito del tampone nelle 48 ore precedenti.

Senza green pass non si può prendere parte all’evento, analogamente a quanto previsto per comunioni, battesimi e per viaggiare all’estero.

Come si ottiene e chi deve averlo? Una guida rapida su come avere il green pass prima del matrimonio.

Green pass per matrimoni: cos’è e perché serve

Il via libera ai matrimoni e alle grandi cerimonie è stato possibile grazie all’implementazione del green pass. Le regole per la loro celebrazione sono contenute nel decreto legge n. 65 del 18 maggio 2021, noto come “decreto Riaperture”, e prevedono il rispetto della distanza di sicurezza, l’obbligo della mascherina, senza indicare un tetto massimo di invitati (sia al chiuso che all’aperto).

Per partecipare è indispensabile essere muniti di green pass con il quale certificare l’effettuata vaccinazione contro il Covid-19 (basta una sola dose, purché effettuata almeno 15 giorni prima della cerimonia), la guarigione con fine dell’isolamento domiciliare o la negatività ad un tampone per Covid-19 effettuato entro le 48 ore precedenti. A tal fine sono validi anche i test antigenici rapidi.

Grazie al green pass, matrimoni, battesimi e altre cerimonie potranno svolgersi in sicurezza limitando il rischio di focolai tra gli invitati.

Come ottenerlo

Si può ottenere il green pass sia in formato digitale, da scaricare sul proprio telefono mobile, sia in formato cartaceo da conservare e mostrare all’occorrenza. Il certificato verde si presenta come un codice QR da mostrare ove richiesto (all’ingresso del ristorante, in aeroporto o all’ingresso di una Rsa).

Per averlo ogni cittadino può scegliere tra diverse modalità:

  • collegandosi alla piattaforma del governo creata ad hoc sul sito www.dgc.gov.it
  • consultando il fascicolo sanitario regionale personale al seguente link www.fascicolosanitario.gov.it
  • attraverso l’App Immuni o l’App Io

Per ottenere il green pass in versione cartacea, invece, il richiedente può rivolgersi (gratuitamente) al proprio medico di base o pediatra di libera scelta o in farmacia, mostrando la tessera sanitaria.

Ricordiamo che, secondo le regole italiane, è possibile ottenere il green pass trascorsi almeno 15 giorni dalla prima dose del vaccino. Quando è pronto si riceve una notifica o un avviso via email o SMS dal Ministero della Salute, a quel punto lo si può visualizzare andando sul sito ufficiale del green pass, o tramite App IO e Immuni, o tramite il proprio Fascicolo Sanitario Elettronico.

Chi deve avere il green pass per matrimoni?

Chiunque partecipa ad un matrimonio deve avere il green pass da mostrare nel caso in cui la struttura lo richieda (ad esempio al Covid manager incaricato).

Devono averlo sia gli adulti che i ragazzi; per questi ultimi l’EMA ha dato il via libera al vaccino a partire dai 12 anni mentre non si richiedono particolari adempimenti per i minori di 6 anni i quali sono esentati dal test. Dai 6 ai 12 anni, invece, il green pass si può ottenere grazie all’esito negativo del tampone (anche rapido) o al certificato di guarigione dal Covid-19 rilasciato dal pediatra o dal medico di base.

Iscriviti a Money.it