Green pass: il tampone rapido è valido?

Fiammetta Rubini

13 Luglio 2021 - 17:03

condividi

Come ottenere il green pass con il tampone: il test antigenico rapido è accettato per viaggiare? E per andare ai matrimoni? Ecco le cose da sapere.

Green pass: il tampone rapido è valido?

Per il rilascio del green pass vale anche il tampone antigenico rapido, che si può fare in farmacia e senza prescrizione medica e che ha validità 48 ore.

L’esito negativo al test rapido permette, al momento, di viaggiare all’estero - all’interno dell’Ue e area Schengen - senza sottostare a ulteriori misure restrittive, e di partecipare a matrimoni e altre cerimonie sul territorio nazionale.

Anzi, in molti casi il tampone per partire diventa una necessità. Infatti il green pass vaccinale per viaggiare viene accettato solo 15 giorni dal completamento del ciclo vaccinale (due dosi con AstraZeneca, Pfizer e Moderna, una dose con Johnson & Johnson). Tra chi non ha ancora ricevuto la sua dose e chi non è del tutto vaccinato, molte persone devono sottoporsi al tampone per ottenere il certificato.

Inoltre, le regole su green pass, tamponi e vaccini possono cambiare in base al Paese di provenienza e di arrivo. Ad esempio, nel caso in cui si provenga da zone ad alto rischio, anche le persone con esito negativo al test rapido potrebbero essere obbligate a tamponi e quarantena all’arrivo. Qui tutte le info utili per chi, in assenza del vaccino, deve ottenere il green pass con il tampone rapido.

Green pass con tampone rapido: come si ottiene

Dal 1° luglio il certificato verde Covid-19, che ottiene chi vaccinato contro il virus, è guarito o è risultato negativo al tampone, è valido anche in Europa come EU digital Covid Certificate per rendere più semplice viaggiare in UE e area Schengen.

È il Ministero della Salute che rilascia la Certificazione verde Covid-19 sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Province Autonome relativi alla vaccinazione, alla negatività al test o alla guarigione dall’infezione. Il certificato è emesso in formato digitale stampabile. Appena è pronto si riceve una notifica o un avviso via email o via SMS dal Ministero della Salute e si può visualizzare o andando sul sito ufficiale del green pass, o tramite App IO e Immuni, o tramite il proprio Fascicolo Sanitario Elettronico.

Cosa fare se non arriva

Nei casi di tampone negativo la certificazione sarà generata in poche ore e avrà validità per 48 ore dall’ora del prelievo.

Se il green pass non arriva, niente paura. Fino al 12 agosto chi non è in possesso del certificato verde Covid-19 può comunque viaggiare in Europa (più Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) presentando ai controlli il certificato, cartaceo o digitale, di tampone negativo, vaccinazione o guarigione.

Green pass, quando serve il tampone

Obbligo di tampone rapido o molecolare nelle 48 ore precedenti all’evento per chi deve partecipare a ricevimenti di matrimoni, battesimi, comunioni e altri eventi privati e non ha neanche una dose di vaccino o il certificato di guarigione.


Sono esonerati dal green pass per matrimoni ed eventi su territorio nazionale i bambini sotto i 6 anni, mentre gli under 12 possono presentare certificato di guarigione da Covid contratto da meno di 180 giorni o tampone negativo eseguito 48 ore prima.

Argomenti

Iscriviti a Money.it