Governo, Recovery e rimpasto per evitare crisi?

Marco Ciotola

10 Gennaio 2021 - 11:47

10 Gennaio 2021 - 22:15

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Ultimi segnali sembrano parlare in particolare di due mosse preparate da Conte per evitare che Renzi concretizzi la crisi di governo: modifiche richieste al Recovery plan e rimpasto per andare avanti. Ma gli strappi sono ormai difficili da ricucire

Governo, Recovery e rimpasto per evitare crisi?

A inizio settimana Recovery plan e a seguire rimpasto. Potrebbe essere questa la mossa predisposta da Giuseppe Conte per scongiurare la crisi di governo che pare sempre più vicina negli ultimi giorni, sulla scia dei malumori di Italia Viva e del suo leader, Matteo Renzi.

Ultimi segnali sembrano infatti parlare in particolare di queste due mosse preparate dal premier, con l’obiettivo di evitare elezioni anticipate e proseguire con questo esecutivo.

Ma - va detto - dopo l’ultimo vertice di maggioranza i contrasti tra Conte e Renzi sono apparsi ormai estremamente difficili da risanare, con l’aggiunta di una reazione stizzita da parte del Partito Democratico nei confronti di Italia Viva, accusata esplicitamente di “tenere in ostaggio il CdM”.

Ecco perché anche l’ultima chiamata di Conte - in parte disposto a venire incontro alle richieste di IV - potrebbe non trovare risposte positive e portare a questo punto verso una sfida in aula.

Governo, recovery e rimpasto per evitare crisi?

Da sempre il premier Conte esclude con forza l’ipotesi elezioni anticipate, ma non nega che ci si trovi di fronte a un “immobilismo dell’esecutivo” deleterio e che non può essere trascinato avanti oltre.

Dall’altra parte, quanto visto nel corso dell’ultimo vertice di maggioranza non è sembrato affatto incoraggiante: Italia Viva non ha dato il via libera neanche al nuovo testo del Recovery Plan, ed ha anzi accusato il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri di aver portato in Consiglio solo una bozza.

Strappi che appaiono quindi difficili da ricucire anche dopo quanto riferito in merito all’ultima assemblea di Italia Viva, di scena nella serata di ieri.

Qui, riferisce l’ANSA, la maggioranza dei parlamentari di Italia Viva ha confermato il suo pieno appoggio all’azione di contrasto all’esecutivo portata avanti da Matteo Renzi.

Malgrado tutto però “un’ultima offerta” a Matteo Renzi sarebbe stata formulata: a inizio settimana nuovo testo del Recovery plan rivisto per venire incontro alle esigenze di IV, e a seguire patto di legislatura e rimpasto.

Potrà rivelarsi sufficiente un piano dai tratti simili a scongiurare una crisi di governo? Al momento lo scenario - quasi inutile specificarlo - appare estremamente difficile e costellato di disaccordi.

In particolare, le ultime insistenze di Renzi su Mes sanitario e persino del ponte sullo stretto di Messina appaiono di complicatissima ricezione per l’esecutivo, e suggeriscono come la forte spinta verso la crisi di governo da parte di IV resti al momento più forte di ogni tentativo di soluzione in arrivo dal governo Conte.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories