Google ha un nuovo obiettivo: diventare una banca

Google sarebbe pronta a diventare una banca. È questa l’indiscrezione rilanciata dal Wall Street Journal. iI progetto che permetterebbe a Big G di realizzare questa trasformazione avrebbe un nome in codice: “Cache”

Google ha un nuovo obiettivo: diventare una banca

Google sarebbe pronta a diventare una banca. È questa l’indiscrezione rilanciata nelle ultime ore dal giornale statunitense Wall Street Journal. Secondo il media americano il progetto che permettere a Big G di diventare una banca avrebbe momentaneamente un nome in codice: “Cache”.

La decisione da parte di Google di diventare una banca seguirebbe quindi la strada finanziaria intrapresa da altri colossi del mondo tecnologico, come Facebook, Amazon e Apple.

Il social media fondato da Mark Zuckerberg ha infatti realizzato Libra, la sua criptovaluta personale, Amazon ha già richiesto la licenza bancaria e Apple ha già lanciato in estate la sua carta di credito, Apple Card, che nelle ultime settimane però è stata accusata di sessismo.

Google Pay era solo il test iniziale?

Anche se ancora si sa molto poco del progetto Cache che permetterebbe a Google di diventare una banca, una cosa è certa: l’azienda statunitense non vuole perdere terreno rispetto alle altre big del settore ed essere un punto di riferimento in qualsiasi ambito: Google Pay ne è un esempio.

E visto che Big G sta strutturando nei minimi dettagli il modo per diventare una banca, proprio Google Pay potrebbe essere stato da una parte lo strumento per accelerare i pagamenti digitali e dall’altra il primo test nel mondo finanziario di Google in vista del progetto “Cache”.

In sintesi se l’indiscrezione rilanciata dal Wall Street Journal dovesse essere confermata, Google Pay potrebbe essere stato il test decisivo che ha permesso a Google di pensare seriamente alla possibilità di non offrire solamente un metodo di pagamento digitale, ma anche un vero e proprio conto corrente online.

Bisogna anche aggiungere un altro aspetto: il mondo delle banche online sta diventando giorno dopo giorno un settore interessante. Ne sono una dimostrazione le cosiddette challenger banks e i continui sforzi innovativi e tecnologici apportati dalle banche tradizionali per migliorare l’home banking.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Google inc. (GOOG)

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \