Figli a carico: limite di reddito a 4.000 euro dal 2019

Limite di reddito figli a carico fino a 4.000 euro dal 2019: ecco le novità, i requisiti previsti e quali sono i vantaggi per le famiglie.

Figli a carico: limite di reddito a 4.000 euro dal 2019

Figli a carico fino al limite di 4.000 euro di reddito a partire dal 2019.

La novità, introdotta dalla scorsa Legge di Bilancio, consentirà a più famiglie di accedere alle detrazioni fiscali per i figli ma è subordinata al rispetto di specifici requisiti.

Per essere considerati a carico, i figli fino allo scorso anno non dovevano percepire redditi superiori a 2.840,51 euro, una soglia ritenuta da molti fin troppo bassa.

Proprio per questo con la Manovra è stata trovata una soluzione (seppur parziale), con l’aumento a 4.000 euro del limite di reddito per essere considerato figlio a carico.

Le novità, tuttavia, non riguarderanno tutti ma soltanto i figli di età inferiore ai 24 anni.

Vediamo qui di seguito come funziona il nuovo limite di reddito per i figli a carico 2019 e quando si applica l’aumento a 4.000 euro.

Figli a carico: limite di reddito a 4.000 euro dal 2019: quando si applica

Una delle novità più importanti introdotta dalla Legge di Bilancio 2018 è quella che ha previsto, a partire dal 2019, l’aumento a 4.000 euro della soglia di reddito entro la quale i figli, che non lavorano o che hanno redditi minimi, rimangono a carico dei genitori.

L’aumento della soglia di reddito a 4.000 euro non è per tutti: potranno beneficiarne soltanto le famiglie con figli di età non superiore ai 24 anni. Al contrario, per i figli di età superiore, il limite da considerare resta quello di 2.840 euro.

Età figli a caricoLimite di reddito
fino a 24 anni 4.000 euro
dopo 24 anni 2.840,51 euro

Una soluzione parziale che consentirà di percepire il bonus per i figli a carico soltanto a poche famiglie ma che, in ogni caso, rappresenta un primo passo verso la ridefinizione dei requisiti previsti in tal caso, ritenuti più volte eccessivamente penalizzanti.

Detrazione figli a carico: come funziona?

Tenuto conto delle novità introdotte a partire dal 1° gennaio 2019, riepiloghiamo di seguito chi può richiedere le detrazioni fiscali per i figli a carico e quali sono le regole attualmente previste.

Possono beneficiare delle detrazioni fiscali tutte quelle famiglie che hanno dei figli all’interno del loro nucleo familiare, a prescindere dall’età, dalla residenza, o dallo stato di convivenza con la famiglia e che dichiarino un reddito annuo complessivo minore rispetto a quello imposto dalla legge.

Per il calcolo della detrazione fiscale per i figli a carico vengono prese in considerazione numerose variabili tra cui la situazione soggettiva del nucleo familiare, l’età del figlio fiscalmente a carico, il numero di figli a carico e il reddito annuo dichiarato dal nucleo familiare.

Gli importi sono quindi differenti ma, per poter fare il calcolo della detrazione riconosciuta, è possibile prendere come riferimento la seguente tabella dell’Agenzia delle Entrate:

Età figlio a caricoDisabilitàImporto detrazioniImporto in caso di famiglie numerose (oltre 3 figli)
Superiore a 3 anni No 950 euro 1.150 euro
Inferiore a 3 anni No 1.220 euro 1.420 euro
Superiore a 3 anni 1.350 euro 1.550 euro
Inferiore a 3 anni 1.620 euro 1.820 euro

Come potete notare nel caso in cui le famiglie siano numerose (oltre 3 figli) le detrazioni aumentano di 200 euro per ciascun figlio.

È bene prestare sempre particolare attenzione al limite di reddito richiesto ai figli per essere considerati a carico. Nel caso di superamento, nel corso dell’anno, il bonus riconosciuto in busta paga dovrà essere restituito in seguito alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Detrazioni fiscali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.