Quando un familiare è a carico? Info e novità per i figli con meno di 24 anni

Per il periodo di imposta 2018 aumenta la soglia di reddito per i figli a carico: chi ha meno di 24 anni potrà percepire un reddito annuo fino a 4mila euro. Invariate le soglie per gli altri familiari.

Quando un familiare è a carico? Info e novità per i figli con meno di 24 anni

La soglia di reddito entro la quale un figlio è a carico dei propri genitori è stata modificata con la Legge di Bilancio.

La soglia di 2.840,51€ è stata aumentata, ma solo per i figli con meno di 24 anni; per gli altri familiari il limite rimane invariato rispetto al 2017.

Ma quando figli e familiari sono “a carico”? Conoscere il significato di familiare a carico è molto importante ai fini fiscali. Con questo termine, infatti, si intende quel familiare che non avendo un reddito superiore ad una determinata cifra è a carico del contribuente.

Di conseguenza questo può approfittarne al momento della dichiarazione dei redditi detraendo le spese sostenute per il suo sostentamento.

Per la dichiarazione dei redditi del 2018 - riferita alle spese sostenute nel 2017 - le detrazioni fiscali per i familiari fiscalmente a carico sono diverse. Tuttavia, prima di vedere quali sono le detrazioni per carichi di famiglia, dobbiamo fare chiarezza su quando un familiare si può definire “a carico”, sia per quanto riguarda il legame di parentela che il limite di reddito valido per il 2017-2018.

Di seguito trovate tutte le informazioni in merito, più un elenco delle detrazioni ai fini Irpef di cui possono approfittare le famiglie italiane.

Figli a carico: cosa cambia nel 2018?

La Camera dei Deputati ha approvato il pacchetto famiglia proposto dal Senato con il quale viene introdotta una serie di emendamenti alla Legge di Bilancio.

Uno di questi prevede la riformulazione delle soglie di reddito annuo entro le quali un figlio si considera a carico dei genitori. Una misura che costerà allo Stato 92,8 milioni di euro per il 2018, più altri 132 milioni per il 2019.

Nel dettaglio per il periodo di imposta 2018 (quindi ai fini della dichiarazione dei redditi che andrà fatta nel 2019) i figli con meno di 24 anni sono considerati a carico dei genitori qualora non abbiano conseguito un reddito superiore ai 4mila euro.

Per i figli con più di 24 anni invece resta valido il limite di 2.840€ in vigore oggi, così come per gli altri familiari.

Nessun cambiamento per le soglie riferite al periodo d’imposta 2017, entro le quali si potrà beneficiare di diverse detrazioni con la dichiarazione dei redditi 2018.

Quali sono i familiari fiscalmente a carico nel 2017

Per essere considerato “fiscalmente a carico” un familiare deve soddisfare due diverse condizioni: una riguarda il legame di parentela, l’altra il reddito.

Nel primo caso, la condizione di parentela e affinità prevede che possono essere considerati familiari a carico - dal punto di vista strettamente fiscale - le seguenti figure:

  • coniuge: il matrimonio deve essere legalmente riconosciuto. Inoltre non si può considerare a carico il coniuge effettivamente separato;
  • figli;
  • altri familiari o affini - genitori, fratelli e sorelle, nuore o suoceri - ma solo se conviventi o riceventi un assegno alimentare “non risultante da provvedimenti dell’autorità giudiziaria”.

L’altra condizione è rappresentata dal reddito. Nel dettaglio, sono familiari a carico coloro che nel periodo d’imposta di riferimento (per la prossima dichiarazione dei redditi quindi si tratta del 2017) hanno conseguito un reddito non superiore ai 2.840,51 euro (compresi gli oneri deducibili).

Quando un familiare soddisfa queste condizioni, quindi, è possibile approfittare di alcune detrazioni, a seconda del legame di parentela. Vediamo quali sono e gli importi per il 2017.

Detrazioni per coniuge a carico

La detrazione per il coniuge a carico varia a seconda del reddito del nucleo familiare. Nel dettaglio, per il periodo d’imposta 2017 sono validi i seguenti importi:

  • 800 euro: il valore viene diminuito del prodotto tra 110 euro e la differenza tra il reddito complessivo e i 15.000 euro;
  • se il reddito complessivo è compreso tra 15.000€ e 40.000€ l’importo della detrazione è di 690 euro;
  • per i redditi compresi tra 40.000€ e 80.000€, la detrazione è di 690 euro per la parte corrispondente al rapporto tra 80mila euro - diminuiti del reddito complessivo - e di 40mila euro.

La detrazione può essere anche aumentata, a seconda del reddito complessivo, come indicato nella tabella:

Maggiorazione detrazione Reddito
10 euro maggiore di 29mila euro ma inferiore ai 29.200 euro
20 euro maggiore di 29.200 euro ma inferiore a 34.700 euro
30 euro maggiore di 34.700 euro ma inferiore a 35.000 euro
20 euro maggiore di 35mila euro ma inferiore a 35.100 euro
10 euro maggiore di 35.100 euro ma inferiore a 35.200 euro

Detrazione per figli a carico

Per il 2018 invece l’importo per la detrazione per il figlio a carico è di 950€, ma può aumentare a seconda dei casi.

Ad esempio, per ogni figlio di età inferiore ai 3 anni l’importo della detrazione è di 1.220 euro. Per i figli disabili, invece, l’importo è di 1.620 euro per i figli di età inferiore a tre anni, 1.350 euro per quelli di età superiore.

L’importo della detrazione aumenta anche nel caso in cui i figli a carico siano più di tre; in tal caso si aggiungono 200 euro per ciascun figlio.

Detrazioni per altri familiari (conviventi) a carico

Come abbiamo visto anche altri familiari possono essere considerati a carico e di conseguenza anche per loro sono previste delle detrazioni. In tal caso l’importo della detrazione è di 750€ che vanno ripartiti pro quota tra tutti coloro che ne hanno diritto.

Ricordiamo che la detrazione spetta per il risultato del rapporto tra l’importo di 80.000€ - diminuito del reddito complessivo - 80.000 euro.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Dichiarazione dei redditi

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Guendalina Grossi -

730, Cu, 770, Cupe, Iva: ecco i modelli definitivi

730, Cu, 770, Cupe, Iva: ecco i modelli definitivi

Commenta

Condividi

Francesco Oliva

Francesco Oliva

3 giorni fa

IRAP 2018: quando si paga? Aliquota e istruzioni calcolo

IRAP 2018: quando si paga? Aliquota e istruzioni calcolo

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

4 giorni fa

Detrazioni modello 730/2018: spese ammesse e novità

Detrazioni modello 730/2018: spese ammesse e novità

Commenta

Condividi