Detrazione coniuge nel modello 730/2021: quando marito o moglie sono considerati a carico

Anna Maria D’Andrea

29 Aprile 2021 - 17:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Detrazione coniuge: quando marito o moglie si considerano a carico ai fini del modello 730/2021? Dal limite di reddito all’importo del rimborso Irpef spettante, di seguito tutte le istruzioni.

Detrazione coniuge nel modello 730/2021: quando marito o moglie sono considerati a carico

Detrazione coniuge a carico nel modello 730/2021: quando marito o moglie si considerano fiscalmente a carico del dichiarante?

È questo il primo aspetto da approfondire per capire come funzionano le detrazioni per il coniuge a carico, una delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa Irpef.

Per i familiari a carico, il contribuente che presenta la dichiarazione può beneficiare di un rimborso fiscale variabile calcolato in base al reddito dichiarato.

Per capire chi ha diritto alla detrazione per la moglie o il marito è necessario analizzare le istruzioni per la compilazione del modello 730, da presentare entro la scadenza del 30 settembre 2021.

Per prima cosa è bene partire rispondendo alla domanda più frequente in materia: quando il coniuge è considerato a carico?

Così come per tutti i familiari a carico, sarà necessario che il limite di reddito per l’anno d’imposta di riferimento non sia superiore a 2.840,51 euro.

In tal caso, compilando il modello 730/2021 il contribuente potrà beneficiare della detrazione fiscale per il coniuge, il cui importo è calcolato in relazione al reddito percepito.

Si ricorda che la detrazione spetta anche ai coniugi uniti mediante il rito delle unioni civili, in quanto sulla base di quanto previsto dall’articolo 1, comma 20 della legge n. 76/2016, le parole “coniuge”, “coniugi” si intendono riferiti anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso.

Detrazione coniuge nel modello 730/2021: quando marito o moglie sono considerati a carico

Per beneficiare delle detrazioni fiscali per i familiari a carico, è necessario che questi non superino il limite di reddito annuo di 2.840,51 euro, somma che sale a 4.000 euro esclusivamente per i figli fino a 24 anni di età.

Il limite relativo al reddito annuo si applica, come abbiamo già evidenziato, anche ai fini delle detrazioni per il coniuge a carico nel modello 730/2021.

L’importo spettante varia in relazione al reddito complessivo del dichiarante. Una volta superata la soglia di 2.840,51 euro, la detrazione è persa del tutto.

Detrazione coniuge a carico nel modello 730/2021: importo in base al reddito

L’ammontare della detrazione prevista per il coniuge a carico si calcola in base al reddito dichiarato da chi presenta il modello 730/2021, ed è pari all’importo teorico di:

  • 800,00 euro se il reddito complessivo non supera 15.000,00 euro;
  • 690,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.000,00 euro ma non a 40.000,00 euro;
  • 690,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 40.000,00 euro ma non a 80.000,00 euro.

La detrazione riconosciuta ai contribuenti nel primo scaglione di reddito, fino a 15.000 euro, diminuisce all’aumentare del reddito. L’importo spettante si calcola mediante la seguente operazione:

800 – [110 × (reddito complessivo/15.000)]

Tra i 15.000 e i 40.000 euro di reddito, la detrazione è di 690 euro, a cui si aggiungono: 10 euro tra 29.000 e 29.199; 20 euro tra 29.200 e 34.699; 30 euro tra 34.700 e 34.999; 20 euro tra 35.000 e 35.099; 10 euro tra 35.100 e 35.199.

Tra i 40.000 e gli 80.000 euro di reddito, la detrazione si calcola secondo la seguente formula:

690 × [(80.000 - reddito complessivo)/40.000]

Nelle istruzioni per la compilazione del modello 730/2021 pubblicate dall’Agenzia delle Entrate è presente un’utile tabella contenente gli importi spettanti in base al reddito dichiarato:

Reddito Importo detrazione coniuge a carico
non superiore a euro 15.000 800 – (110 X reddito complessivo) /15.000
da euro 15.001 a euro 29.000 690
da euro 29.001 a euro 29.200 700
da euro 29.201 a euro 34.700 710
da euro 34.701 a euro 35.000 720
da euro 35.001 a euro 35.100 710
da euro 35.101 a euro 35.200 700
da euro 35.201 a euro 40.000 690
da euro 40.001 a euro 80.000 690 x (80.000 - reddito complessivo) / 40.000
oltre euro 80.000 0

Detrazione coniuge a carico: come compilare il modello 730/2021

Le informazione relative al coniuge a carico dovranno essere inserite nel prospetto del modello 730/2021 dedicato ai familiari a carico.

Nel rigo relativo al coniuge, la compilazione della dichiarazione dei redditi dovrà essere effettuata seguendo le seguenti istruzioni:

  • nel rigo 1 indicare i dati relativi al coniuge
  • colonna 1: barrare la casella ‘C’
  • colonna 4 (codice fiscale): indicare il codice fiscale del coniuge. Il codice fiscale del coniuge deve essere indicato anche se non è fiscalmente a carico
  • colonna 5 (n. mesi a carico): utilizzare questa casella solo se il coniuge è stato a carico. Indicare ‘12’ se il coniuge è stato a carico per tutto il 2018. In caso di matrimonio, decesso, separazione legale ed effettiva, scioglimento o annullamento del matrimonio o cessazione dei suoi effetti civili nel corso del 2018, riportare il numero dei mesi per i quali il coniuge è stato a carico. Per esempio, in caso di matrimonio celebrato a giugno del 2018, la detrazione spetta per sette mesi, pertanto, nella casella indicare ‘7’.

Coniuge e altri familiari a carico: detrazione anche delle altre spese nel modello 730/2021

Oltre alla detrazione base prevista, alcune delle spese sostenute dal contribuente danno diritto ad una detrazione o deduzione dal reddito anche se relative a familiari fiscalmente a carico.

Sarà possibile indicare nel modello 730/2021 anche le spese sanitarie, così come ad esempio l’abbonamento al trasporto pubblico, relative al coniuge a carico che non può fruire personalmente della detrazione Irpef riconosciuta dallo Stato.

La detrazione spetta al contribuente che ha sostenuto la spesa nell’interesse dei familiari a carico anche nell’ipotesi in cui i documenti di spesa siano intestati ad un altro familiare anch’esso fiscalmente a carico del soggetto che ha sostenuto la spesa.

Iscriviti alla newsletter